Fukushima: la farfalla mutante danneggiata dalle radiazioni

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Farfalle mutanti, che porteranno con loro i segni di uno dei più temibili disastri nucleari, quello di Fukushima. A 18 mesi da quel tremendo 11 marzo 2011, la conta dei danni all’ambiente e ai suoi abitanti non è finita.

Un team di ricercatori della Ryukyu University di Okinawa, in Giappone, ha scoperto che la mutazione ereditaria di una specie di farfalle è una diretta conseguenza della contaminazione nucleare avvenuta nella centrale di Fukushima all’indomani del terremoto e dello tsunami.

Dopo aver trascorso un po ‘di tempo alla ricerca di eventuali mutazioni subite dalle specie presenti, gli scienziati hanno notato che la farfalla Zizeeria maha, originaria dell’Asia, presentava disturbi come affaticamento agli occhi, riduzione nella dimensione delle ali e malformazioni nelle antenne e nelle zampe.

Nel maggio del 2011, i ricercatori hanno iniziato a raccogliere farfalle in prossimità della centrale di Fukushima, salvando un totale di 144 insetti ancora sotto forma di lava, particolarmente importanti perché le farfalle sono particolarmente sensibili alle variazioni dell’ecosistema. E mentre nei primi stadi di sviluppo gli insetti apparvero ‘normali’, poco dopo nelle generazioni successive furono notati cambiamenti significativi, specialmente nelle ali, che mutavano per colore, forma e dimensioni.

Inizialmente, almeno 12 farfalle su 100 presentavano le ali molto più piccole. Tuttavia, nella seconda generazione questa percentuale è aumentata fino al 18,3% mentre nel 33,5% dei casi sono state trovate tutte le alterazioni. Di male in peggio. Ciò significa non solo che questa specie di farfalla è stata irrimediabilmente danneggiata ma che queste mutazioni sono ereditarie, e sono già state tramandate alla prole.

E in quanto a brutte notizie, non è ancora finita. Secondo Joji Otaki, scienziato specializzato nello studio delle farfalle, questa specie è considerata una delle più resistenti alle radiazioni nucleari. Terribile presagio…

Lo studio è stato pubblicato su Nature.

Francesca Mancuso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook