Queste foto sono composte da tanti pixel quanti sono gli animali ancora vivi di quella specie

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Sembrano fotografie di bassa qualità a causa dei pixel in evidenza, in realtà sono volutamente composte da tanti pixel quanti sono gli esemplari ancora vivi della specie animale immortalata. Quindi meno pixel ci sono, più l’animale si sta estinguendo.

Si tratta di una campagna intitolata “WWF Japan – Population by pixel”, creata dall’agenzia Hakuhodo C&D / Tokyo nel 2018, che negli ultimi tempi è riemersa e diventata virale.

A idearla furono i direttori creativi Nami Hoshino, Yoshiyuki Mikami e il designer Kazuhiro Mochizuki, al cui lavoro si è poi ispirato JJ Smooth 44, aggiungendo altri animali.

Davvero un’idea geniale rappresentare gli animali in via di estinzione, con tanto di numeri, in questo modo, perché il messaggio arriva forte e chiaro!

Aquila

Photo Credit: Hakuhodo C & D Tokyo

Panda

Photo Credit: Hakuhodo C & D Tokyo

Scimmia

Photo Credit: Hakuhodo C & D Tokyo

Volpe

Photo Credit: Hakuhodo C & D Tokyo

leopardo

Photo Credit: JJSmooth44

Animali in estinzione

Photo Credit: JJSmooth44

tigre bengala

Photo Credit: JJSmooth44

Elefante asiatico

Photo Credit: JJSmooth44

rinoceronte

Photo Credit: JJSmooth44

Scimmie

Photo Credit: JJSmooth44

Ti potrebbe interessare anche:

Laura De Rosa

Photo Credit: imgur e adsspot

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze dei Beni Culturali, redattrice web dal 2008 e illustratrice dal 2018, ha pubblicato per Giochidimagia Editore "Il sogno attraverso il tempo". Con SpiceLapis ha realizzato "Memento Mori, guida illustrata ai cimiteri più bizzarri del mondo".
Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook