Fantastiche formiche: sfruttano il sole e la memoria per muoversi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Operose e mai stanche, le formiche hanno un’altra dote fino ad ora meno nota. Sono in grado di orientarsi grazie al sole e alla loro memoria. È quanto emerge da una nuova ricerca condotta all’Università di Edimburgo.

Precedenti studi avevano già dimostrato che le formiche durante il loro cammino trovano la strada confrontando quello che appare davanti a loro con le memorie visive del percorso già compiuto. Ma quando camminano all’indietro chiedono aiuto al sole.

Sembra incredibile ma è la posizione della nostra stella a guidare queste piccole creature nel loro andirivieni quotidiano. Dotate di un senso dell’orientamento straordinario, le formiche sanno mantenere una direzione di viaggio a prescindere dalla posizione del loro corpo nello spazio.

Una capacità tutt’altro che banale. In altre parole, esse sanno distinguire le informazioni sulla strada da percorrere da quelle su come sono orientate fisicamente, un po’ come se provassimo a fare strada verso casa camminando all’indietro.

A volte, le formiche camminano in questo modo per evitare di far cadere i pesi che trasportano. Nel farlo, sfruttano la memoria visiva e correggono la loro direzione di marcia se sono finite “fuori rotta”.

“Il nostro risultato principale è che le formiche possono disaccoppiare la loro direzione di marcia dal loro orientamento del corpo”, ha detto il dottor Antoine Wystrach dell’Università di Edimburgo e CNRS di Parigi.

LEGGI anche: MEGLIO DI JAMES BOND: LE FORMICHE SPIA CHE SI CAMUFFANO COME LE SPECIE NEMICHE

Gli scienziati hanno dimostrato che le formiche che camminano all’indietro a volte guardano dietro di loro per controllare l’ambiente circostante, e utilizzano queste informazioni per impostare una traiettoria relativa alla posizione del sole. In questo modo, gli insetti in grado di mantenere il loro cammino verso le tane.

La ricerca è stata condotta in collaborazione con gli scienziati della University of Lincoln, Australian National University e il Centro nazionale francese per la ricerca scientifica (CNRS).

LEGGI anche: LO SCARABEO SI ORIENTA GUARDANDO LA VIA LATTEA

Lo studio è stato pubblicato su Current Biology.

Francesca Mancuso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook