@ wrangel/123rf.com

I polpi femmine sono le nostre eroine: lanciano oggetti contro i maschi che le molestano

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Pare proprio che le femmine di polpo non siano molto pazienti con i maschi che le infastidiscono, vista la veemenza con cui gli scagliano contro oggetti

Quando si tratta di liberarsi di un molestatore, le femmine di polpo sembrano aver trovato la strategia vincente: lanciargli addosso degli oggetti, secondo questa ricerca. I ricercatori australiani hanno infatti osservato un comportamento comune fra le femmine di Octopus tetricus che vivono a largo di Sidney (in una regione rinominata Octopolis proprio per la grande frequenza di questi animali) per liberarsi di maschi eccessivamente pressanti nel corteggiamento.

È pratica comune fra i polpi selvatici lanciarsi contro oggetti, almeno in questo sito – spiegano i ricercatori. – Gli animali raccolgono materiale dai fondali (generalmente alghe, conchiglie e altri sedimenti) grazie ai tentacoli e poi lo lanciano con un agile movimento dell’appendice. Sono generalmente le femmine ad avere questo comportamento, mentre i maschi sono le vittime dei lanci.

(Leggi anche: Un nuovo studio ha scoperto che i calamari maschi aiutano la compagna a scegliere una casa)

Il lancio degli oggetti verso altri animali è una pratica comune nel regno animale, e ci sono molti motivi alla base di questo comportamento: può essere fatto per minaccia o a scopo difensivo, ma mai una specie rivolge oggetti verso i propri simili – come fanno i polpi. Quindi, per comprendere perché i polpi avessero l’abitudine di lanciarsi oggetti gli uni contro gli altri, i ricercatori dell’università di Sidney li hanno osservati in azione. Utilizzando microcamere nascoste, hanno registrato oltre 100 istantanee degli abitanti di Octopolis che lanciano oggetti contro i propri simili.

Analizzando meglio le immagini raccolte, i ricercatori hanno notato che ci sono due principali tipi di lancio. Il primo ha a che fare con il tenere in ordine il rifugio, gettando via resti di cibo o altri tipi di rifiuti. Il secondo, invece, sembra avere uno scopo più preciso: questo lancio è eseguito quasi esclusivamente dalle femmine, che lanciano soprattutto conchiglie verso altri polpi. Nel 33% dei lanci ‘mirati’, l’oggetto ha colpito l’obiettivo, ovvero l’animale – maschi che si sono lanciati nel corteggiamento, più raramente femmine rivali. Insomma, una strategia difensiva efficace rivolta ai molestatori che non ha eguali nel regno animale.

Seguici su Telegram | Instagram Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: BioRxiv

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Ho 25 anni e sono laureata in Lingue Straniere. Sono da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile. Tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook