Salvato l’elefantino albino rimasto intrappolato per quattro giorni da una corda dei bracconieri

Un cucciolo di elefante albino è stato salvato dopo essere rimasto intrappolato per quattro lunghi giorni da una corda legata al muso.

L’elefantino rosa è stato trovato in una riserva al confine del Kruger National Park, in Sudafrica. Il povero animale era completamente solo, aggrovigliato in un laccio che gli ha provocato terribili ferite al collo, dietro le orecchie e al muso.

La corda era talmente stretta da essere riuscita a lacerare la bocca del cucciolo da entrambi i lati, conferendo all’animale una sorta di sorriso da Joker.

Le ferite erano davvero gravi e profonde, tanto che i vermi avevano già iniziato a mangiare la carne dell’animale, peggiorando ulteriormente la situazione.

Fortunatamente il cucciolo è stato soccorso e trasferito al Hoedspruit Elephant Rehabilitation and Development (HERD), centro specializzato nella riabilitazione di elefanti feriti o rimasti orfani.

Quando l’esemplare è arrivato nella struttura, all’inizio di gennaio di quest’anno, si è scoperto che si trattava di una femmina di quattro mesi. Il personale del centro di recupero l’ha battezzata “Khanyisa” che nella lingua bantu del popolo shona, nello Zimbabwe, significa “luce”.

Khanyisa ha risposto bene alle cure e grazie alla sua forza e al suo coraggio, ora si sta riprendendo ed è in via di guarigione.

Nonostante il trauma e il dolore che ha dovuto subire per mano dell’uomo ha mantenuto un atteggiamento dolce e buono verso tutti.

Leggi anche:

Foto cover: HERD

Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".
Izanz

Quanti e quali tipi di zanzare esistono in Italia?

Coop

L’impegno di Coop nell’emergenza coronavirus

TuVali

+ di 100 corsi online su Salute e Benessere, a partire da 5€ su TuVali.it

Gewiss

Joinon: le nuove colonnine di ricarica smart che si gestiscono via app

Roma Motodays
Seguici su Instagram
seguici su Facebook