In Etiopia c’è appena stato uno dei più grandi massacri di elefanti uccisi in un solo giorno dai bracconieri

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Sei elefanti sono stati uccisi in un solo giorno in Etiopia dai bracconieri, è uno dei più grandi massacri dell’Africa orientale e come sempre il tutto, per avere le loro preziose zanne da rivedere a peso d’oro al mercato illegale che collega il continente nero con quello asiatico.

Gli elefanti secondo Ganabul Bulmi, il capo custode del parco si erano avventurati fuori dal Mago National Park per bere e i bracconieri ne hanno approfittato. “Hanno quindi rimosso tutte le zanne dagli elefanti. Un omicidio di massa. Non abbiamo mai visto nulla di simile prima”, ha detto. Oltre questi cinque, mancano all’appello altri due elefanti che potrebbero essere stati uccisi lo stesso giorno. “È stato anche difficile catturare gli autori perché i locali che vivono nella zona sono armati e non erano disposti a collaborare con i funzionari”, ha continuato Ganabul.

Secondo i funzionari della fauna selvatica, l’Etiopia aveva più di 10mila elefanti negli anni ’70, ma il bracconaggio e la perdita di biodiversità dovuta a cambiamenti climatici e deforestazione, hanno ridotto il numero a circa 2.500 a 3mila negli ultimi anni. Di bracconaggio ne abbiamo parlato tante volte, ma Daniel Pawlos, direttore della Wildlife Conservation Authority, un’entità governativa, ha affermato che non si pensava che ci fosse anche in Etiopia.

“L’anno scorso abbiamo documentato fino a 10 uccisioni di elefanti. Ciò che rende diverso questo episodio è l’elevato numero di elefanti uccisi in un giorno”, ha spiegato.

I funzionari sospettano che la maggior parte delle zanne di elefante arrivi sul mercato asiatico. Ricordiamo che nel 2015, i funzionari etiopi hanno bruciato 6,1 tonnellate di zanne di elefante illegali, oggetti di avorio, sculture e vari pezzi di gioielleria per scoraggiare il bracconaggio e il commercio di avorio. Ma purtroppo la situazione non sembra cambiata.Anzi. La pandemia di Covid-19 ha lasciato campo libero ai bracconieri, visto che le riserve sono rimaste scoperte per assenze di controlli dirottati sull’emergenza. A tutto questo si aggiunge il fatto che la popolazione di elefanti in Etiopia è minacciata dal conflitto animali-uomo e che a livello nazionale gli sforzi di conservazione sono stati ostacolati negli ultimi anni dai disordini civili e politici.

elefante ucciso

@@TheItaliopian

Si stima che circa 400mila elefanti vivano in tutta l’Africa, ma sono sotto pressione ovunque. In Botswana, dove vivono circa 130mila elefanti, le licenze di caccia vengono nuovamente vendute dopo la revoca di un divieto di cinque anni nel 2019. Qui, i funzionari sostengono che la caccia è necessaria per alleviare il conflitto tra animali e umani, in particolare gli agricoltori. Anche la siccità è stata un problema. A settembre e ottobre scorsi, più di 200 elefanti sono morti a causa della mancanza di acqua nelle principali zone di conservazione dello Zimbabwe a Mana Pools e Hwange National Park.

Fonte: The Guardian

Leggi anche:

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Cristalfarma

Meteorismo e pancia gonfia? Migliora la tua digestione con l’alimentazione e non solo…

Carnitina

Benefici, controindicazioni e quando è consigliato assumerla

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook