Piantagioni di tè deserte, gli elefantini fanno “festa” e si addormentano “ubriachi”

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

L’immagine degli elefanti satolli, ubriachi e stesi a terra dopo aver bevuto ‘vino di mais’ e aver mangiato a enormi quantità, ha fatto il giro del mondo creando una certa ilarità. Il problema è che in questo scatto, in realtà, non c’è nulla da ridere.

Si sono spinti fin dentro un villaggio nella provincia dello Yunan in Cina alla ricerca di cibo. Quattordici elefanti di varie dimensioni che hanno fatto razzia di mais, ma anche di ‘vino di mais’ a tal punto da finire sdraiati (addormentati) in una piantagione di tè.

L’immagine ci rimanda a due realtà: la prima è che gli elefanti si sono spinti fino al villaggio perché a seguito del coronavirus, c’è ancora allerta e restrizioni sul fatto di poter uscire e condurre un’esistenza normale. Così come i delfini che sono tornati nei porti e la coppia di germano che ha nidificato sul pontile di Venezia, anche questi elefanti si sono spinti vicino le case.

La seconda, più drammatica, è che quegli elefanti erano a caccia disperata di acqua e cibo per via della perdita di habitat naturale e che sono addirittura arrivati a bere del vino, ubriacandosi.
I cambiamenti climatici stanno mettendo a dura prova la biodiversità. Siccità, ondate di calore, uragani, ma soprattutto disboscamento illegale e bracconaggio per l’avorio, minano la vita degli elefanti che finiscono inevitabilmente per arrivare fino ai villaggi, con il rischio (in condizioni normali) di essere anche feriti e uccisi. Soprattutto nelle piantagioni di tè il rischio di rimanere intrappolati nelle “trincee” costruite per irrigare è alto, come già denunciato più volte, soprattutto in India.

Nessuno sa se la foto che sta girando sui social sia vera. Alcuni elefanti hanno recentemente attraversato un villaggio nella provincia dello Yunnan, in Cina, ma la loro presenza non è fuori dalla norma.

Fonte: Epicalyptic/Facebook

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook