@Duncan Noakes/123rf

Gli elefanti africani sono sull’orlo dell’estinzione a causa del bracconaggio e della perdita dell’habitat

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Gli elefanti africani sono sempre più vicini all’estinzione. L’allarme arriva dall’ultimo report dell’International Union for Conservation of Nature (Iucn) che ha inserito sia l’elefante della foresta che quello della savana nella lista rossa delle specie in “pericolo” e in “pericolo critico”.

A causare il declino di questi straordinari animali sono innanzitutto i bracconieri e il killer silenzioso rappresentato dalla perdita dell’habitat. In Africa si sta assistendo ad un declino delle due specie di elefanti senza precedenti. Dal 1990 il numero di esemplari di elefanti della foresta (considerati in “pericolo critico”) è diminuito dell’86%, mentre la popolazione degli elefanti della foresta (etichettati come “in pericolo) è calato del 60% nel corso degli ultimi 50 anni. 

Lo spaventoso declino degli elefanti africani registrato negli ultimi decenni 

Se fino al secolo scorso il continente africano ospitava un milione e mezzo di elefanti, l’ultimo censimento su larga scala, effettuato nel 2016, segnala la presenza di soli 415mila pachidermi.

“Passare da vulnerabili a in pericolo e in pericolo critico mostra un rischio di estinzione molto più elevato. Non significa che si estingueranno domani, ma è un rischio maggiore.” – spiega la dottoressa Kathleen Gobush, che ha guidato un team di sei ricercatori dell’IUCN nell’elaborazione delle nuove classificazioni che considerano gli elefanti delle foreste e quelli della savana due specie separate, a seguito di una serie di recenti studi scientifici. “Questa riclassificazione ci porta ad un’attenzione dedicata a ciascun animale – l’elefante della foresta e l’elefante della savana – e quindi ad adattare i piani di conservazione in base alle esigenze di ciascuna specie, che sono diverse”.

elefanti satelliti

©Shutterstock/HordynskiPhotography

Se da un lato il fenomeno del bracconaggio è in diminuzione in diversi territori africani, la perdita dell’habitat avanza silenziosamente, con effetti devastanti per gli elefanti ed altre specie. 

“Per quanto possiamo vedere che il bracconaggio è diminuito in molti Paesi, c’è questo killer silenzioso rappresentato dalla frammentazione e dalla perdita dell’habitat. Durante l’invasione degli habitat degli elefanti, avvengono conflitti tra gli animali e le persone. E nel processo, gli elefanti vengono uccisi.”

Recentemente alcuni Stati africani stanno dimostrando il loro impegno a difesa di questi straordinari animali, come evidenziato dal direttore dell’IUCN Bruno Oberle: 

“Diverse nazioni africane hanno mostrato la strada negli ultimi anni, provando che possiamo invertire il declino degli elefanti e dobbiamo lavorare insieme perché il loro esempio possa essere seguito.”

Ma se non si interverrà al più presto con strategie di conservazione e tutela mirate, tra qualche decennio gli elefanti africani potrebbero sparire per sempre dal continente africano.

Fonte: IUNC

Leggi anche:

 

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Per la rivista Sicilia e Donna si è occupata principalmente di cultura e interviste. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe
eBay

Come scegliere la migliore piscina fuori terra per giardino o terrazzo

eBay

I migliori accessori da avere se usi il monopattino elettrico

eBay

Bricolage: le migliori soluzioni per organizzare al meglio i tuoi attrezzi da lavoro

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook