Elefantessa incinta mangia ananas riempito di petardi in Kerala, muore in piedi nel fiume

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Una storia di terribile violenza sugli animali arriva dal Kerala, in India, dove un elefante è morto dopo aver mangiato un ananas “ripieno” di  petardi, offerto da qualcuno con l’intento di fare uno scherzo o proprio di danneggiarlo. Ma è andata molto peggio: l’elefante infatti era una femmina in dolce attesa e a perdere la vita per questo inspiegabile atto di crudeltà sono stati dunque due elefanti.

L’elefante selvatico aveva lasciato le foreste della Silent Valley nel distretto di Palakkad, vagando in un villaggio vicino in cerca di cibo. Mentre camminava per le strade, qualcuno gli ha offerto un ananas carico di petardi. Il frutto gli è poi esploso in bocca, portando all’inevitabile tragedia.

L’elefante ferito si è avvicinato al fiume Velliyar dove è morto, in piedi, insieme all’elefantino che portava in grembo e che sarebbe nato dopo 18-20 mesi.

La gravissima violenza subita da questo animale è venuta alla luce dopo che un ufficiale forestale ha raccontato i dettagli della vicenda sui social.

“Si è fidata di tutti. Quando l’ananas che ha mangiato è esploso, deve essere rimasta scioccata non pensando a se stessa, ma al cucciolo che avrebbe partorito tra 18 o 20 mesi”, ha scritto l’agente forestale Mohan Krishnan, che faceva parte del Squadra che ha tentato di salvare l’elefante.

L’esplosione è stata così potente che la lingua e la bocca dell’elefante sono rimaste gravemente ferite e l’esemplare camminava nel villaggio con dolori lancinanti e una terribile fame (non era infatti più in grado di mangiare nulla a causa delle sue ferite).

“Non ha fatto del male a un singolo essere umano anche quando correva in preda ad un dolore lancinante nelle strade del villaggio. Non ha distrutto una sola casa. Ecco perché ho detto che era piena di bontà” ha scritto Krishnan.

L’elefante alla fine si è avvicinato al fiume Velliyar e lì è rimasto fino al suo ultimo respiro. Le foto mostrano l’elefantessa in piedi nel fiume con la bocca e il tronco in acqua, forse per avere per un po ‘di sollievo dal dolore insopportabile. L’ufficiale forestale sostiene che si era messa lì anche per evitare mosche e altri insetti sulle ferite.

Gli uomini che l’hanno soccorsa hanno tentato di tutto per salvarla, portando anche due elefanti in cattività, per cercare di condurla fuori dal fiume.

“Ma penso che avesse un sesto senso. Non ci ha permesso di fare nulla“, ha scritto Mohan Krishnan.

Dopo ore di tentativi da parte degli ufficiali, l’elefante è morto alle 4 del pomeriggio ancora in piedi nell’acqua. A quel punto è stato riportato nella foresta in un camion e cremato.

“Ha bisogno di ricevere l’addio che merita. Per questo, l’abbiamo portata all’interno della foresta in un camion. Giaceva lì sulla legna da ardere, nella terra in cui aveva giocato ed era cresciuta. Il medico che l’ha esaminata mi ha detto che non era sola. Potevo percepire la sua tristezza anche se l’espressione sul suo volto non era visibile a causa della mascherina. Lì la cremammo in una pira. Ci inchinammo davanti a lei e le porgemmo i nostri ultimi rispetti”, disse l’agente forestale.

Con “sorella….. scusa” si conclude il messaggio di Krishnan. Ma le scuse non bastano per il gravissimo atto compiuto nei confronti di un elefante indifeso e per di più in una fase delicata ed importante della sua vita come quella della gravidanza. Ci auguriamo che i responsabili vengano individuati e severamente puniti!

Fonti di riferimento: New Delhi Tv / The Hindu / Facebook

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Repubblica di San Marino

Repubblica di San Marino: il turismo slow e green che non ti aspetti

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook