Elefante sul GRA di Roma, tragedia sfiorata: era scappato dal circo Orfei

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Aveva voglia di libertà l’elefante che stamattina ha terrorizzato automobilisti e passanti a Roma. Proprio come la giraffa Alexander, che morì dopo una rocambolesca fuga a Imola, il pachiderma è scappato da un circo, quello di Amedeo Orfei, che dal 29 novembre era accampato in via Ugo Ojetti, nel quartiere Talenti della Capitale.

Numerose le segnalazioni giunte alla Polizia: in molti lo hanno avvistato all’uscita 11 del Grande Raccordo Anulare intorno alle 12.30, a circa 3 chilometri dai tendoni che lo imprigionavano. Ma la libertà è durata poco: trascorsa appena un’ora, è stato ripreso e riportato in gabbia dagli stessi addetti del circo.

Appena un mese fa, il 7 novembre, si verificò un caso simile. Un esemplare di elefante indiano, scappato da un altro circo, è stato recuperato dagli agenti della Forestale in un mercato di Ponte di Nona, zona del quadrante orientale della città. Le polemiche furono immediate, con l’Ente nazionale protezione animali in testa, che chiese controlli preventivi finalizzati a verificare che le strutture rispettino tutti i requisiti stabiliti dalla legge per tutelare la pubblica incolumità e garantire il benessere degli animali detenuti.

È un vero e proprio miracolo se la fuga dell’elefante non ha avuto conseguenze ne’ per l’animale ne’ per le persone che in quel momento affollavano il mercato – dichiarava il direttore scientifico dell’Enpa, Ilaria Ferri, vedendo nell’episodio “un motivo in più per chiudere una volta per tutte con i circhi che sfruttano altri esseri senzienti. I quali, non appena ne hanno la possibilità fanno di tutto, anche mettere a repentaglio la loro stessa incolumità, pur di sottrarsi ad una condizione di ‘prigionia‘”. Un mese dopo, però, ecco l’ennesima tragedia sfiorata.

Roberta Ragni

LEGGI ANCHE:

Circhi: elefante in fuga a Roma, salvo per miracolo

Le lacrime della giraffa: Alexandre e la sua fuga dal circo (video)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook