I detenuti diventano dog-sitter: i cani ex-randagi nel Carcere di Bollate

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Onda, Titti e Tato. Sono alcuni dei cani che scodinzolano per il carcere di Bollate. Perché proprio qui si svolge un corso per operatori dog-sitter professionali ideato e progettato appositamente per le persone sottoposte a misure restrittive della libertà personale.

A fine corso i detenuti conseguiranno tesserino tecnico e certificazione nazionale del CSEN – il Centro Sportivo Educativo Nazionale e potranno svolgere autonomamente attività quali dog sitter, dog walker e dogdaycare.

Si tratta di un progetto originale e nobile inserito nell’offerta ricreativo-culturale rivolta alle persone in esecuzione penale, che si svolge con cadenza settimanale, sia presso la sezione femminile che presso la sezione maschile. Organizzato e coordinato dal DIVET dell’Università Statale di Milano, unisce all’obiettivo di rieducazione, crescita culturale e reinserimento sociale e lavorativo dei detenuti quello del recupero e dell’adottabilità dei cani randagi ospitati da canili.

Il percorso sarà strutturato su un modello innovativo di EAA-Educazione assistita con animali professionalmente qualificante e in linea con quanto prescritto dalle linee guida nazionali in materia di interventi assistiti con animali (IAA). Oltre a conferire agli allievi le tecniche e la professionalità di operatori del ramo pet care, il corso costituirà per i detenuti anche una vera e propria esperienza di pet therapy, un tipo di attività già in atto a Bollate sotto la supervisione dell’associazione Cani Dentro onlus.

canidentro2

Dopo la fase di formazione, si passerà alla creazione di un network operativo volto a facilitare l’assunzione dei detenuti autorizzati al lavoro esterno presso aziende agricole e di pet care. I vantaggi ci sono anche per i cani coinvolti nell’intervento, che saranno ex-randagi ospiti di canili o rifugi, preventivamente sottoposti a percorsi di rieducazione e socializzazione ad opera di personale specializzato.

Questo tipo di lavoro, l’acquisizione delle attitudini richieste dalla pet therapy rappresenterà per questi cani una ulteriore occasione di socializzazione e relazione positiva con l’uomo, favorendo sensibilmente le loro possibilità di venire adottati e accolti in famiglia.

“Malgrado la presenza di attività di pet therapy sia un dato abbastanza diffuso, il settore lavorativo del pet care è ancora molto poco proposto nelle carceri – osserva Federica Pirrone, ricercatrice alla Statale e responsabile del Progetto – esso invece si adatta molto bene alla realtà carceraria, perché comprende attività che richiedono un’assunzione di responsabilità da parte della persona e quindi risultano importanti dal punto di vista del trattamento; inoltre interessa figure professionale molto ricercate dal mercato”.

Ma come hanno reagito i detenuti? L’incontro con gli animali, racconta l’associazione Cani dentro, ha suscitato subito interesse e curiosità, anche perché alcuni partecipanti possiedono cani e animali in genere e la possibilità di avere un contatto diretto con il cane permette loro, da una parte, di riprendere il filo di un’affettività improvvisamente, e forzatamente interrotta, e, dall’altra, di tornare, seppur virtualmente e per un breve lasso di tempo, in libertà. I risultati sono così positivi e incoraggianti che non possiamo che augurarci che venga esteso a tutte le strutture di detenzione…

Roberta Ragni

Photo Credit @CANI DENTRO Onlus

Leggi anche:

Galline in fuga dalle loro gabbie trovano la libertà…in carcere

Il carcere “paradiso” dei detenuti venezuelani

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook