DJ3, la figlia dell’orsa Daniza, è rinchiusa nel recinto del Casteller di Trento da 8 anni

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Non solo M49. Il (celebre) recinto di Casteller, in Trentino, si pregia di ospitare anche DJ3, figlia di Joze e di Daniza, l’orsa tristemente nota per essere stata uccisa tramite narcotici.

A suo tempo, anche per DJ3, come per la madre, scattò l’ordinanza di cattura firmata dall’allora presidente Lorenzo Dellai, dovuta a una presunta pericolosità, anche se la piccola orsa non aveva mai attaccato un uomo. DJ3 era stata di fatto catturata in Val d’Algone, nelle Giudicarie, e a far scattare l’arresto fu addirittura la predazione di pecore avvenuta di giorno a ridosso dell’abitato di Fisto, nel comune di Spiazzo Rendena.

Per catturare DJ3 gli uomini del Corpo Forestale Trentino si erano serviti di una “trappola a tubo” in acciaio che, scattando, consente di rinchiudere l’animale con elevati standard di sicurezza sia per gli operatori che per l’orso.

Da allora è cominciato il carcere anche per DJ3, una detenzione che la vede oggi rinchiusa dopo 8 anni in un recinto di 3 mila metri quadrati e con uno stato di salute complessivamente buono. Il suo comportamento? Secondo quanto dicono i veterinari che la controllano due volte all’anno è assolutamente normale.

“La Provincia di Trento sostiene di aver agito correttamente per la sicurezza del territorio ignara invece di non aver rispettato il Progetto precedentemente sottoscritto che avrebbe dovuto rispettare l’etologia e la natura di Dj3”, dicono gli animalisti che su change hanno lanciato una petizione.

“Attualmente molti orsi vengono gestiti dalle Amministrazioni in modo incompatibile con la loro natura per adeguarli alle esigenze sociologiche umane. È così a tutti gli effetti un vero e proprio maltrattamento. Chiediamo pertanto alle Amministrazioni di rivedere la loro posizione rispetto al tema”.

Intanto, quanto ad M49 ancora in fuga, continuano i messaggi di persuasione da parte del ministro Costa, che invita ancora a non sparare al plantigrado M49 in fuga nei boschi del Trentino: “Semplicemente non ammazzatelo!”, le sue parole:

Firmate qui la petizione per chiedere un cambio di atteggiamento da parte delle amministrazioni.

Leggi anche:

I cuccioli di Daniza sono vivi e stanno bene (VIDEO)
Salviamo i cuccioli di Daniza: le foto degli orsetti in paese
Daniza, si sono riuniti i cuccioli senza più la mamma

Germana Carillo
Foto cover

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook