Corride: scattato ufficialmente il divieto in Catalogna dal 1 gennaio 2012

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il 2012 non sarà forse la fine del mondo, ma per i catalani è l‘anno che mette fine alle corride a Barcellona e in tutta la Catalogna. È, infatti, scattato da ieri, 1 gennaio, il divieto approvato dal Parlamento catalano a luglio del 2010 su proposta dell’iniziativa legislativa popolare nata dalla piattaforma Prou! (Basta!) che aveva raccolto ben 127.500 firme.

La Catalogna sarà la seconda regione, dopo le Canarie, a proibire questa tradizione così amata e odiata allo stesso tempo, ma soprattutto così radicata in tutta la Spagna.

Nel 2011 si sono svolti una quindicina di combattimenti di tori nella regione catalana, soprattutto a Barcellona, nella Plaza de La Monumental, la storica “plaza del toro” dove lo scorso settembre si era svolta l’ultima corrida sotto gli occhi malinconici e assetati di “spettacolo” di ben 20mila “aficionados”, facendo registrare il tutto esaurito con biglietti arrivati a costare ben 1500 euro.

Sul divieto è ancora pendente un ricorso presentato alla Corte Costituzionale dal Partito Popolare. E la cosa non stupisce visto anche il giro d’affari che genera da oltre sette secoli questa triste tradizione.

E proprio per ammortizzare le ripercussioni economiche la legge ha fissato fino a giugno 2012 sei mesi di indennizzi economici per la cessazione agli operatori economici danneggiati dalla cessazione delle corride e ai gestori delle arene.

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook