Ancora nidi di rondine distrutti perché sporcano, è reato!

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

“Bentornata #Primavera?! Ad #Atripalda ti hanno accolta distruggendo un po’ di #nidi di rondini… bella idea, vero?”. Condividiamo la denuncia lanciata da Sos Natura sulla loro pagina Facebook, perché continuano gli atti di vandalismo ai danni degli animali.

Dopo il massacro di tartarughe uccise barbaramente dai vandali nella villa comunale Mafalda di Savoia a Capaci, questa volta purtroppo tocca alle rondini. Ad Atripalda, un comune in provincia di Avellino in Campania sono stati distrutti alcuni nidi.

Ecco cosa scrivono da Sos Natura:

Il post è stato condiviso anche da CABS Italia, l’antibracconaggio che scrive:


A chi chiede spiegazioni sull’accaduto il Cabs risponde:

“Non si parla di #cacciatori in questo caso… anche se in tempi recenti, a #Cipro e non solo, abbiamo assistito anche agli spari contro le rondini. Ma non si sta parlando di questo nel post… bensì del fatto che in città, qui in Italia, si usi ancora distruggere i nidi delle rondini perché appunto danno “fastidio”… perché “sporcano”. Poveri noi!”

Sos Natura ha inviato una comunicazione ufficiale al sindaco di Atripalda che ha come oggetto, lo stop distruzioni nidi e potature alberi nei periodi riproduttivi in cui si chiede l’approvazione della delibera Salvarondini della Lipu, si invitano i cittadini al rispetto del benessere animale, ma soprattutto si chiede al comune di acquistare e collocare dei nidi artificiali per sostituire quelli distrutti in via Appia.

Ecco il testo della mail:

Non ci sono parole per commentare atti questi. Ricordiamo che le rondini, i loro nidi, le uova e i nidiacei sono protetti dalla legge n. 157/92 e dall’articolo 635 del codice penale, che ne vieta l’uccisione e la distruzione. Se vedete qualcuno che distrugge i nidi o provoca qualsiasi forma di disturbo alla specie, segnalate l’evento al Corpo Forestale dello Stato al numero di telefono 1515.

Mentre i sindaci che vogliono approvare la delibera Salvarondini devono semplicemente scaricare il testo e contattare la Lipu (qui tutte le informazioni).

“La Lipu invita i sindaci ad approvare la cosiddetta Delibera Salvarondini per evitare la distruzione dei nidi, vietando i restauri di tetti e cornicioni in questo periodo così cruciale per la riproduzione delle rondini. Inoltre, sarebbe utile mantenere le stalle tradizionali ed i prati stabili, habitat degli insetti utilizzati dalla Rondine per nutrire i pulcini. Le rondini subiscono anche gli effetti dei cambiamenti climatici”.

Purtroppo non sono gli unici episodi:

Massacro di animali a Venezia: uccisi senza pietà i trovatelli dell’oasi Sos Natura (VIDEO)

Gli adolescenti che hanno distrutto 50 alveari, uccidendo 500mila api

Leggi anche:

Le rondini stanno scomparendo. Cosa possiamo fare?

Dominella Trunfio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook