Il Diavolo della Tasmania torna a casa! Dopo 3mila anni, liberati in natura 26 esemplari

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Tornano finalmente in natura per la prima volta in 3mila anni: qui, in un santuario della fauna selvatica nel Nuovo Galles del Sud, in Australia, alcuni Diavoli della Tasmania sono stati liberati nelle foreste dopo un lungo e delicato programma conservazionista. Un passo storico che li riporta, speriamo definitivamente, nel loro habitat naturale.

Questi iconici marsupiali erano spariti da quasi tutta l’Australia circa 3mila fa. Ma ora, grazie a un ostinato sforzo di reintroduzione, 26 di questi minuscoli esserini in via di estinzione sono tornati. Non più grandi di un cagnolino, questi marsupiali sono famosi per la loro ferocia e le loro mascelle potenti, capaci di ridurre le carcasse di grandi dimensioni in frantumi in pochi minuti.

Negli anni ‘90, la specie fu colpita da un cancro alla bocca contagioso e mortale, facendo sì che la sua unica popolazione selvatica rimasta, nello stato insulare australiano della Tasmania, scendesse a soli 25mila esemplari.

Non è noto il motivo per cui la specie sia scomparsa dall’Australia millenni fa, ma non è difficile immaginare che una delle cause siano l’azione umana: quando i primi cacciatori uccisero la maggior parte della megafauna del continente, i diavoli non avevano più nulla da mangiare.

Eppure, dal momento che sono dei veri e propri “spazzini”, i diavoli svolgono un ruolo cruciale nel mantenere un ecosistema equilibrato e sano, motivo per cui gli scienziati hanno cercato così duramente di riportarli indietro.

diavolo tasmania

©Phys

“Abbiamo lavorato per oltre un decennio per arrivare a questo punto – afferma Tim Faulkner, presidente di AussieArk, un’organizzazione per il recupero delle specie. Il gruppo collabora strettamente con le organizzazioni non profit Global Wildlife Conservation e WildArk per rendere possibile il rilascio di animali allevati in cattività in un’area recintata, la Barrington Wildlife Sanctuary, appena a nord del Barrington Tops National Park nell’Australia orientale.

Nonostante la loro spaventosa reputazione, “non rappresentano una minaccia per l’uomo o l’agricoltura”, aggiunge Faulkner. L’Aussie Ark ha allevato i cuccioli di diavolo e prevede di liberarne altri 20 l’anno prossimo, e altri 20 l’anno successivo.

Un momento davvero storico che, ci auguriamo, contribuirà a riequilibrare un ecosistema seriamente danneggiato.

Fonti: AussieArk / Phys.org / National Geographic

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook