Davida Battistini, l’animalista in sciopero della fame da 55 giorni per salvare i cani legati alla catena

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Vuole che i cani siano liberati dalle catene in Emilia Romagna e per questo sono quasi due mesi che non mangia. È l’attivista animalista Davide Battistini, in sciopero della fame dal 20 gennaio 2014, che chiede al presidente della regione Emilia Romagna, Vasco Errani, di obbligare i cittadini a custodire i loro cani in un modo degno di un paese evoluto e civile.

Dalle analisi del sangue, che ho eseguito il 4 marzo 2014, emerge che non ho più un grammo di colesterolo nelle arterie. Il mio corpo, per non morire, ha ripulito tutta l’energia che ha trovato dentro di sè. Questo valore di colesterolo insignificante certifica, oltre ogni ragionevole dubbio, insieme allo scheletro del mio corpo esile, che in questi due mesi ho fatto un digiuno vero e radicale, gandhiano. Un digiuno lunghissimo il mio per chiedere a Vasco “Hannibal the Cannibal” Errani solo Legalità”, si legge in uno degli ultimi post pubblicati sulla sua Pagina Facebook.

Nello specifico, a Errani l’animalista chiede, come misura minima dei recinti, 9 metri quadri per un singolo cane ed un aumento razionale di superficie per ogni cane introdotto oltre al primo, ma anche di modificare l’art 2 comma 1 lettera a introducendo dopo le parole “a rifornire l’animale di cibo e acqua…” le parole pulita, al riparo dal sole e dal gelo e contenuta in un contenitore atto a non essere rovesciato accidentalmente dal cane”.

Nel comma 2 bis, poi, andrebbe aggiunta la frase “Il medico veterinario, entro il giorno di rilascio del certificato che autorizza la detenzione alla catena, ha l’obbligo di inviare via fax all’assessorato alla sanità del comune in cui esercita la professione, il certificato emesso e conservarne copia della trasmissione in ambulatorio. Nel certificato dovrà essere sempre specificata la data in cui termina la deroga alla legge per motivi sanitari e questi specificati dettagliatamente. La patologia, curata tramite catena, deve essere chiaramente indicata. Tali certificati saranno consultabili dai consiglieri comunali, provinciali e regionali.

Ma, soprattutto, Battistini vorrebbe che tutti i detentori di cani siano informati immediatamente, a quasi un anno dalla promulgazione della legge, che la catena è illegale, utilizzando il database dell’anagrafe canina regionale.

Per ora quel che è riuscito a ottenere con la sua protesta estrema e pacifica è che venerdì scorso il Presidente Errani e l’Assessore Lusenti abbiano indicato nel 30 aprile la data ultima per l’emanazione del regolamento previsto dalla legge. “La data c’è, come chiedeva il signor Davide Battistini, in applicazione di una Legge regionale veramente unica al mondo. Ribadisco il mio appello di venerdì a Davide Battistini affinché interrompa immediatamente lo sciopero della fame”, replica il sindaco di Ravenna, Fabrizio Matteucci con un post sulla sua pagina Facebook:

Pubblicazione di Fabrizio Matteucci – Ravenna di tutti.

Roberta Ragni

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook