Caso Daniza, no all’archiviazione. Chiediamo giustizia per mamma orsa (PETIZIONE)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Non c’è ancora giustizia per Daniza, mamma orsa uccisa dopo aver aggredito un cercatore di funghi per difendere i propri cuccioli. E forse non l’avrà mai. Mentre il GIP di Trento ha rinviato al Pubblico Ministero gli atti relativi all’indagine sull’uccisione dell’orsa Daniza, chiedendo quindi nuove indagini, il procuratore della Repubblica di Trento ha invece chiesto l’archiviazione del caso.

Per questo l’Ente Nazionale Protezione Animali, oltre a studiare tutte le possibili iniziative legali per impedire la chiusura delle indagini, ha lanciato una petizione sulla piattaforma Change.org per chiedere al Ministro dell’Ambiente, al Ministro della Giustizia e al Governo di fare chiarezza su una vicenda che presenta troppi punti oscuri, a partire dalla presunta aggressione che ha dato il via alla catena di eventi da cui è derivata l’uccisione di Daniza.

Una linea, spiega la Protezione Animali in un comunicato, “sposata” anche dal Giudice per le Indagini Preliminari, il quale, nell’accogliere l’istanza presentata dalla Protezione Animali contro la prima archiviazione, aveva chiesto nuove e più approfondite indagini.

“È estremamente significativo – spiega Andrea Brutti, dell’Ufficio Fauna Selvatica di Enpa – che nel provvedimento in questione sia lo stesso Gip, citando una relazione dell’Ispra, a definire come improbabile la versione fornita dall’unico testimone del presunto attacco. “Attacco” che, tra l’altro, era da motivarsi con un comportamento di difesa avuto da Daniza nei confronti dei suoi piccoli e non con una altrettanto presunta pericolosità dell’animale”.

Per l’Enpa ci sono anche altri gli aspetti che richiedono un doveroso approfondimento. “Come è possibile, infatti, che a fronte degli errori, dell’approssimazione e della superficialità evidenziati dalla gestione del caso Daniza la magistratura ritenga di non dover procedere ulteriormente, come se tali prassi rappresentasse la norma e non invece una pericolosa anomali?”, chiede l’associazione. E pensare che l’unico indagato, il veterinario responsabile della telenarcosi, ha comunque definito la sua posizione penale attraverso il pagamento di un’oblazione. Questa è giustizia?

“Tutto questo – prosegue Brutti – mentre i vertici della Provincia, che per la morte di Daniza hanno quanto meno una responsabilità politica, sono ancora sulle loro poltrone. Sarebbe dunque opportuno che il ministro dell’Ambiente, preposto alla tutela dell’orso così come di tutta la fauna selvatica, si esprimesse in tal merito e sottoponesse la questione a tutti i rappresentanti istituzionali. Perché la vicenda di Daniza riguarda anche milioni di persone, cittadini italiani e non, che si sono mobilitate chiedendo chiarezza e giustizia. Ed è anche a loro che vogliamo dare voce con la petizione su Change.org”.

Per firmare la petizione clicca qui

Roberta Ragni

Leggi anche:

Daniza: riaperta l’inchiesta su mamma orsa, indagato il veterinario

Addio Daniza, mamma orsa uccisa dai narcotici dopo la cattura (PETIZIONI)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook