Abbattono mamma cinghiale e i suoi cuccioli orfani finiscono al mattatoio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Mamma cinghiale e i suoi cinque cuccioli erano stati trovati nel cortile di una casa di Boglio a Biella. Ospiti inattesi per la proprietaria che aveva chiamato le forze dell’ordine. Il risultato? L’esemplare adulto è stato abbattuto e i cinghialetti andranno al mattatoio.

“Sono troppo piccoli per sopravvivere e quindi, li abbiamo portarti in un centro autorizzato, dove vengono allevati cinghiali con fini alimentari”, dice Giorgio Mosca, dirigente del servizio provinciale Caccia e Pesca.

Una decisione che ha scatenato l’ira dell’associazione biellese ‘Legami di cuore’ che trova inaccettabile il fatto che gli animali finiscano al macello.

Ecco l’appello sui social di Alberto Scicolone dell’associazione:

“Vergognoso!!! Il dirigente della Provincia di Biella Giorgio Mosca ha fatto consegnare i piccoli orfani ad un’ azienda alimentare con l ordine di abbatterli entro fine anno. Atto indegno per un essere umano che condanna alla morte 5 cuccioli, bambini di un’ altra specie ai quali e’ stata uccisa la mamma. Attueremo tutto quanto a nostra disposizione affinché i piccoli vengano salvati, sterilizzati e riconsegnati alla natura”.

L’associazione promette addirittura una mobilitazione nazionale.

“Affidare dei cuccioli a un mattatoio è inaccettabile – spiega Alberto Scicolone – chiediamo che i cinque cinghialini vengano tolti immediatamente da quella azienda, altrimenti faremo partire una mobilitazione a livello nazionale. Dei cuccioli andrebbero mandati in un centro per la ripopolazione della fauna selvatica, non condannati a morte. Chiederemo inoltre di verificare con che criterio si decide di sparare a un esemplare femmina che ha partorito da poco, forse si sarebbe potuto salvarla e chiudere la vicenda senza versare del sangue”, spiega ancora.

Ma cos’è successo in quel cortile? Secondo le forze dell’ordine e il personale della Provincia, il cinghiale appariva nervoso e non c’è stata altra alternativa se non quella di abbatterla.

Ora che una mamma appaia nervosa per tutelare i propri cuccioli, ci sembra abbastanza normale, ma siamo sicuri che non ci fosse nessun altro modo per farla uscire dal cortile e riportarla lontana dai centri abitati?

Dissociandoci da tanto pathos, poniamo un altro quesito: perché da anni, non si prendono dei provvedimenti seri, per tenere giustamente lontani i cinghiali senza recare danno a loro e alle persone? Probabilmente, adesso, per questi cinque cinghialini non ci sarà niente da fare.

“L’azienda li dovrà abbattere entro la fine dell’anno- chiosa Mosca- Può sembrare una decisione dura ma non possiamo da una parte lottare contro la proliferazione dei cinghiali e dall’altra allevarli per poi rimetterli in libertà”.

Leggi anche:

Dominella Trunfio

Foto di repertorio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook