Il Parlamento europeo si rifiuta di sovvenzionare la corrida: viola gli accordi sulla protezione animali

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il Parlamento europeo con 335 voti a favore e 297 contrari rifiuta di continuare a sovvenzionare la corrida approvando un emendamento nell’ambito della riforma della politica agricola comune (Pac) che vieta di sovvenzionare “il bestiame la cui destinazione finale è la vendita per le attività di tauromachia, direttamente o tramite intermediari”.

Una prima vittoria in ambito europeo sul tema corrida. L’emendamento proposto da Equo e dai Verdi europei, ha avuto il sostegno di socialisti, liberali, Sinistra unitaria (UI, Podemos e Bildu).

“L’emendamento approvato chiarisce che il Parlamento europeo non sostiene la tauromachia e non vuole finanziare alcuna attività di allevamento che sia direttamente o indirettamente legata alle corride”, spiega il portavoce di Equo, Florent Marcellesi e aggiunge:”Ci mobiliteremo per garantire che questa vittoria parlamentare sia mantenuta nei negoziati tra il Parlamento europeo e il Consiglio europeo”.

Come sappiamo, finora la PAC è stata uno dei modi in cui il denaro dell’UE ha sostenuto indirettamente la corrida, perché i fondi “sono stati concessi in base alla superficie del terreno, senza tener conto dell’uso di quel terreno”, affermano i Verdi al Parlamento europeo. Per fare chiarezza, l’UE non sostiene alcuna attività di corrida, ma gli aiuti della PAC sono stanziati ai produttori in base alla superficie o per la manutenzione e la cura del terreno in buone condizioni agronomiche e ambientali, indipendentemente dal fatto che siano o no, adibiti ad arene per le corride.

Il tutto succede mentre a Madrid, nel luglio scorso,  il presidente della Comunità di Madrid, Isabel Díaz Ayuso assieme con il sindaco della capitale, José Luis Martínez-Almeida, aveva firmato un protocollo in base al quale, entrambe le amministrazioni si impegnano a difendere la corrida con azioni diverse e puntano a farla diventare patrimonio culturale.

Invece, sul piano della tutela degli animali, nell’emendamento, si legge: le pratiche “che comportano la morte del toro” non sarebbero state finanziate perché supporrebbero “una palese violazione dell’accordo europeo per la protezione degli animali negli allevamenti”.

Ma è una vittoria solo a metà, perché il Parlamento deve ancora negoziare con il Consiglio europeo e la Commissione europea il testo finale della Pac. Già cinque anni fa, il Parlamento aveva votato contro i sussidi per l’acquisto o vendita di animali destinati alle corride, ma il testo finale della Pac aveva poi respinto l’emendamento. Speriamo che questa volta, le cose vadano diversamente.

Fonti: Francisco Guerreiro /Florent Marcellesi/Publico

Leggi anche:

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

ABenergie

Smart working: come scegliere il tuo gestore di energia ora che lavori da casa

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook