Sudafrica: il Governo vuole cambiare legge per poter allevare e mangiare elefanti, rinoceronti e altri animali selvatici

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il Governo sudafricano vuole cambiare il Meat Safety Act, consentendo il consumo di specie minacciate come elefanti, giraffe, coccodrilli, rinoceronti e tanti altri. L’intenzione è di commercializzare la carne, ma si rischia un disastro ecologico. Per questo, più di 45mila persone si oppongono al piano di modificare la legge statale, che dal 2000 regola la produzione di carne.

Il ministro del Dipartimento dell’Agricoltura, Riforma agraria ha pubblicato un emendamento per la modifica del Meat Safety Act che come dicevamo, è una legge statale che stabilisce quali animali possono essere allevati e commercializzati in Sud Africa per la loro carne. Questo emendamento aprirebbe allo sfruttamento economico di 90 specie in tutto tra cui ippopotami, antilopi, gnu, zebre, gazzelle, coccodrilli, giraffe, elefanti e rinoceronti, cioè alcuni degli animali che lo Iucn, l’Unione internazionale per la conservazione della natura, ha inserito nella lista rossa delle specie minacciate.

Il consumo di carne di animali selvatici in tutto il continente è già un problema per la conservazione delle specie. Secondo i gruppi di conservazione, adesso, il timore è che la modifica della legge possa portare alla creazione di mercati umidi in Sud Africa. È probabile che i privati ​​e le piccole imprese vedano questa come un’opportunità per entrare in un settore in cui i costi di avviamento sono minimi, gli standard sanitari difficili da applicare e la supervisione inesistente.

Mentre la bozza è al vaglio del governo, cittadini e associazioni si sono uniti per opporsi al piano: già in 45mila hanno espresso il loro dissenso nella piattaforma partecipativa di Dear SA.
“È inconcepibile macellare animali selvatici, in particolare specie in via di estinzione e quasi estinte come il rinoceronte e l’elefante”, si legge e ancora, “La vendita di qualsiasi prodotto derivato da specie minacciate di estinzione dovrebbe essere severamente vietata”, “Il consumo di animali selvatici aumenta il rischio reale di malattie zoonotiche”.

Le conseguenze del traffico di fauna selvatica per l’ambiente e la salute pubblica sarebbero devastanti. Numerosi animali finirebbero i loro giorni al macello e il tutto mentre è in corso una pandemia mondiale che attribuisce proprio al consumo di animali selvatici, buona parte della responsabilità. Attualmente la legge prevede che si possono consumare 35 specie di animali domestici e selvaggina, ma se l’emendamento venisse approvato finirebbero nell’elenco anche uccelli, pesci e rettili oltre che gli animali già citati.

‘L’inserimento di un animale nel programma del Meat Safety Act non incoraggia la macellazione di quegli animali. Invece, consentirà alle autorità di regolamentazione di avere un maggiore controllo su come vengono macellati per il consumo umano e animale’, dicono dal Dipartimento. Ma il tutto ha scioccato gli attivisti per la protezione della fauna selvatica e i sostenitori del benessere come Tozie Zokufa, direttore della Coalition of African Animal Welfare.

“Alla luce delle circostanze in cui ci troviamo per quanto riguarda il Covid-19, chiediamo che il dipartimento riconosca i rischi e agisca per proteggere la salute e gli animali”.

Fonti:Republic of South Africa/ The Conversation/Meat Safety Act/GroundUp

Leggi anche:

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook