Allevamenti intensivi dei conigli: nuovo VIDEO shock e la petizione contro gli abusi illegali

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Macellazione dei conigli: continua l’orrore e la brutalità della mattanza di queste povere bestiole, destinate a pratiche assolutamente illegali di carico e trasporto, solo dopo condizioni di vita agghiaccianti. È l’ennesima denuncia che arriva da LAV e Animal Equality, che, con immagini diffuse da Servizio Pubblico su Il Fatto Quotidiano online, mostrano la realtà degli allevamenti di conigli e invitano tutti a fermare la loto macellazione firmando la petizione su www.coraggioconiglio.it

Le nuove immagini degli allevamenti di conigli, oltre a confermare le pessime condizioni di vita negli allevamenti intensivi, mostrano, per la prima volta in Italia, la brutalità delle operazioni di carico dei conigli, prima dell’invio al macello. Il video ritrae animali ammassati a decine, uno sopra l’altro, nei carrelli usati per portarli al carico, lanciati con violenza nelle gabbie, in condizioni di totale abuso, con pratiche vietate dalle leggi europee sul trasporto degli animali.

Pratiche e abusi di questo tipo, sono vietati sia dalle leggi europee che dal nostro codice penale – dichiarano LAV e Animal Equality – si tratta infatti, oltre che di violazioni alla legge sul trasporto, di veri e propri maltrattamenti di animali, che sottoporremo all’autorità giudiziaria. Ancora una volta, con una nostra investigazione, registriamo come prassi zootecniche illegali, configuranti veri e propri abusi sugli animali, non siano oggetto di controllo da parte dell’autorità pubblica, e ci chiediamo come sia possibile, da parte dei servizi preposti, confermare ad ogni verifica, che questi allevamenti siano in regola”.

Alla luce di queste nuove rivelazioni, LAV e Animal Equality, fanno appello al Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, e al Ministro delle Politiche Agricole, Maurizio Martina, per un loro intervento piuttosto urgente con un piano straordinario di controllo negli allevamenti di conigli.

Dal canto nostro, possiamo aderire alla campagna #coraggioconiglio, sottoscrivendo qui la petizione per il riconoscimento degli conigli come animali familiari e contribuire così a salvare gli oltre 30 milioni che ogni anno sono allevati e uccisi in Italia.

Le video-investigazioni di LAV e Animal Equality sono pubblicate sul sito www.coraggioconiglio.it, realizzato dalle due Associazioni per rendere pubblici i risultati delle proprie indagini.

Germana Carillo

LEGGI anche:

L’indagine shock che mostra l’orrore dell’industria del coniglio (video e petizione)

Video shock sugli allevamenti di conigli in Italia (petizione)

Angora: la terribile verità sulla lana dei conigli (video)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook