Giustizia per Rafiki! Condannato a 11 anni di carcere il bracconiere che ha ucciso il “re dei gorilla” dell’Uganda

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Ha ammesso di essere entrato illegalmente in un’area protetta e di aver ucciso il raro gorilla Rafiki per legittima difesa. Ma per i magistrati non ci sono scusanti: Felix Byamukama è stato condannato a 11 anni di carcere, ben al di sotto della condanna all’ergastolo a cui poteva andare incontro.

A farlo sapere è stata l’Uganda Wildlife Authority (UWA). Il gorilla è scomparso il 1° giugno e il suo corpo è stato scoperto da un gruppo di ricerca il giorno seguente. Le indagini hanno rivelato che Rafiki è stato ucciso da un oggetto appuntito penetrato nei suoi organi interni.

Una squadra dell’UWA ha rintracciato Byamukama in un villaggio vicino, dove è stato trovato con l’attrezzatura da caccia. Gli altri tre uomini che erano con lui hanno negato le accuse e sono in attesa di processo.

Il povero gorilla aveva 25 anni e purtroppo chi lo ha ucciso non ha tenuto conto del fatto che fosse una specie a rischio estinzione. Nel mondo infatti, ne rimangono circa un migliaio.

Secondo quanto riferito da Byamukama ai magistrati, il raro gorilla di montagna lo aveva attaccato e per difesa ha deciso di ucciderlo. Non solo Rafiki. L’uomo è stato anche dichiarato colpevole di aver ucciso una piccola antilope e un maialino. In precedenza aveva ammesso all’Uganda Wildlife Authority che lui e altre tre persone erano riuscite ad accedere all’interno dell’impenetrabile Parco nazionale di Bwindi con l’intenzione di cacciare animali più piccoli e di aver ucciso Rafiki per autodifesa.

Byamukama sconterà diverse condanne contemporaneamente, ma in totale è stato condannato ad appena 11 anni di prigione, un’inezia se si considera che la pena massima prevista è l’ergastolo. Ciò è accaduto perché non è stato processato in un tribunale speciale per la fauna selvatica.

Giustizia è fatta per Rafiki, ma solo a metà.

Fonti di riferimento: UgandaWildlifeAuthority

LEGGI anche:

5 ranger e una guida massacrati nel parco di Virunga: difendevano gli ultimi gorilla di montagna

Leonardo DiCaprio dona 2 milioni di dollari per difendere i gorilla del Parco di Virunga

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Repubblica di San Marino

Repubblica di San Marino: il turismo slow e green che non ti aspetti

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook