Circhi senza animali: approvata la risoluzione che impegna il Governo a disincentivare gli spettacoli che usano animali

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Basta animali nei circhi! L’Italia fa un nuovo importante passo in avanti grazie all’approvazione nella settima Commissione permanente del Senato della risoluzione in materia di “Dismissione dell’utilizzo degli animali nei circhi e negli spettacoli viaggianti, con riferimento ai criteri di riparto del fondo unico dello spettacolo”.

Ciò vuol dire che il Governo si impegna finalmente, dopo la mancata approvazione dei decreti legislativi che avrebbero dovuto essere adottati entro dodici mesi dall’entrata in vigore della legge 22 novembre 2017 (n. 175), a valutare se continuare a consentire o meno la presenza degli animali negli spettacoli circensi.

Un ottimo punto di arrivo, nella speranza che finalmente anche l’Italia rientri tra quei Paesi che “nel nome dell’etica e della civiltà hanno già detto no agli spettacoli circensi con animali”, come scrivono dalla Lav.

La risoluzione è stata approvata grazie alle forze politiche di maggioranza e con il voto contrario dei senatori di Forza Italia, Lega e Fratelli d’Italia. In definitiva, quindi, la Commissione ha concordato sul fatto di iniziare a valutare di togliere in via definitiva gli animali dalle attività circensi, considerate le condizioni in cui vengono tenuti e addestrati.

In particolare, la proposta era stata presentata l’8 gennaio 2020, in cui si legge che, visti gli addestramenti basati su coercizioni fisiche e psichiche, la 7a Commissione permanente del Senato, impegna il Governo “a valutare, nell’ambito di un processo di revisione dei criteri di assegnazione dei contributi del FUS, tenendo conto di quanto già previsto dal decreto ministeriale 27 luglio 2017 e dalla legge 22 novembre 2017, n. 175, […] l’opportunità di disincentivare i circhi che utilizzano animali e che non si impegnino a non acquisirne di nuovi, garantendo un adeguato monitoraggio di tali processi di dismissione”.

Quel che ci si aspetta adesso è dunque l’approvazione immediata del disegno di legge di riforma del settore dello spettacolo dal vivo.

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
ABenergie

Smart working: come scegliere il tuo gestore di energia ora che lavori da casa

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook