La Cina inizia a vietare il consumo di carne di cane a seguito dell’epidemia di Coronavirus

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

In seguito alla diffusione dei contagi da Coronavirus, Shenzhen, metropoli a sud est della Cina, sta discutendo una legge per vietare il consumo di carne di cane, allo scopo di migliorare la sicurezza alimentare.

La proposta di legge arriva dopo il divieto di commercializzare e consumare carni di animali selvatici, pratica ritenuta responsabile dell’epidemia di coronavirus.

Sebbene sia chiaro, come confermato anche dall’OMS, che cani e gatti non possano trasmettere all’uomo il covid-19, il crescente numero di contagi ha contribuito ad accendere i riflettori su questo tipo di commercio. Oltre a causare immensa crudeltà verso animali da compagnia, infatti, il consumo di carne di cane rappresenta un rischio per la salute umana a causa di altre malattie trasmissibili, come la rabbia.

La nuova normativa estende il divieto di consumo anche di carne di serpente, rana e tartaruga riducendo a nove il numero di specie adatte al consumo umano.
L’elenco include maiali, mucche, pecore, asini, conigli, galline, piccioni, anatre e oche, oltre a pesi e animali acquatici.
Una sorta di “lista bianca” che, secondo le autorità, dovrebbe aiutare le persone a sapere cosa è possibile mangiare e cosa no, a fronte delle tante specie animali presenti in natura.

I funzionari hanno descritto la nuova normativa come “requisito di civilizzazione universale per una società moderna“.

In Cina, il consumo di carne di animali selvatici è molto diffuso, così come quello di carni di gatti e cani. Solo durante il noto evento gastronomico Yulin Dog Meat Festival, ogni anno migliaia di cani vengono uccisi, scuoiati e cucinati.

Gli attivisti animalisti chiedono da anni al governo cinese di vietare il consumo di carne di cani e, se la proposta venisse approvata, Shenzen diventerebbe la prima città del paese ad applicare un divieto simile.

Trattandosi di una metropoli di quasi 13milioni di abitanti, l’eventuale approvazione potrebbe portate altre città a fare altrettanto.

Fonti di riferimento: Daily Express/Daily Mail

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook