©Express

Hanno preso a bastonate e ucciso senza pietà un cigno che proteggeva le sue uova a Dolo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Preso a bastonate ed ucciso spietatamente, solo perché voleva proteggere la sua compagna. È accaduto a Dolo, in provincia di Venezia. La vittima, ancora una volta, è un cigno, colpito ripetutamente fino alla morte, mentre tentava di difendere – come proprio di ogni specie – la sua “famiglia”, il nido dove la sua compagna stava covando le uova.

I Carabinieri, intervenuti sul posto, hanno individuato il presunto autore del fatto grazia all’aiuto di alcuni testimoni, procedendo all’apertura di un procedimento penale.

“Si tratta di un atto efferato e disumano, che non possiamo lasciare impunito – dichiara la Sede LAV di Venezia e annuncia – siamo già al lavoro per intervenire con una nostra azione legale sostenuta anche dalla Sede nazionale per far applicare il reato di uccisione di animale (art 544 bis c.p). L’autore di questa uccisione inaudita rischia la reclusione fino a 2 anni! Confidiamo nel lavoro di Carabinieri e Magistratura, affinché le indagini si svolgano in modo accurato e in tempi rapidi, per dare giustizia a questo animale innocente, vittima di una violenza brutale, per la quale ci aspettiamo una condanna esemplare affinché fatti del genere non si ripetano più”.

Non è la prima volta che un povero cigno viene preso di mira, purtroppo… Vi abbiamo raccontato spesso di episodi di maltrattamento, alcuni anche molto cruenti, in Italia e anche all’estero…

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook