La natura torna a popolare Chernobyl: dopo i lupi avvistate anche aquile, visoni e lontre

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Tutti ricordiamo gli avvenimenti di Chernobyl, una catastrofe difficile da dimenticare. Dopo tanti anni una buona notizia riguarda quell’area e in particolare gli animali che stanno tornando a popolare la zona di esclusione, ovvero quella che circonda la centrale nucleare esplosa.

Già nel 2015 si era visto che alcuni animali, in particolare alci, caprioli, cinghiali e lupi, avevano fatto capolino nell’area tristemente nota (la Cez) e fino a quel momento desolata. Adesso un team di scienziati ha scoperto però che anche altri animali sono tornati a popolare la zona di esclusione.

Per scovare gli animali, lo studio ha posizionato telecamere nascoste in diversi punti dell’area e carcasse di pesce lungo il litorale di canali e fiumi a mo’ di esche per far uscire allo scoperto mammiferi e uccelli presenti nella zona. Queste, collocate ai margini delle acque aperte del fiume Pripyat e nei vicini canali di irrigazione, non facevano altro che imitare l’attività naturale che si verifica quando le correnti trasportano carcasse di pesci morti sulla riva.

chernobyl fauna 1

I risultati hanno mostrato che il 98% delle carcasse di pesce sono state consumate entro una settimana da una moltitudine di animali. Dunque c’è parecchia vita in quella zona di circa 2.500 chilometri quadrati, abbandonata dall’uomo nel 1986.

La ricerca, pubblicata su Food Webs, è riuscita ad individuare 15 specie (10 mammiferi e 5 tipologie di uccelli) che popolano quei luoghi dimostrando così che la fauna selvatica è tornata a far rivivere Chernobyl.

specie chernobyl
specie chernobyl2

Come ha dichiarato James Beaseley, professore associato presso il Savannah River Ecology Laboratory e la Warnell School of Forestry and Natural Resources, a capo della ricerca:

“Abbiamo visto prove di una varietà di fauna selvatica nel CEZ attraverso la nostra precedente ricerca, ma questa è la prima volta che abbiamo visto le aquile dalla coda bianca, il visone americano e la lontra di fiume sulle nostre macchine fotografiche”.

Possiamo quindi dare il bentornato ufficiale a tanti altri animali oltre a quelli già individuati nel 2015!

Leggi anche:

Francesca Biagioli

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook