@Mareamico Delegazione Di Agrigento/Facebook

Scoperto delfino tursiope decapitato a largo di Agrigento. Gli ambientalisti: “è un’esecuzione!”

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il terribile ritrovamento di una carcassa di tursiope sarebbe l’ennesima dimostrazione della crudeltà dell’uomo nei confronti degli animali e della natura. L’animale aveva la testa mozzata e con la coda legata a un cima

A largo di San Leone, nelle acque davanti ad Agrigento, alcuni diportisti hanno trovato un esemplare di tursiope morto. La tragica scoperta è stata condivisa sui social dall’associazione ambientalista Mareamico. Non un incidente né uno scontro con un’imbarcazione, secondo i volontari, ma una vera e propria esecuzione: il mammifero sarebbe stato rinvenuto con la testa mozzata e con una cima legata alla coda; l’avanzato stato di decomposizione indicherebbe che l’animale si trovasse lì da molti giorni.

Ma chi potrebbe architettare una tale tortura ai danni di un povero animale? I volontari dell’associazione sospettano che possa essere stato qualche pescatore locale: i delfini infatti, per loro natura esuberanti e giocherelloni, spesso depredano le reti dei pescatori piene di pesci e scatenano le ritorsioni di pescatori arrabbiati e irrispettosi dell’ecosistema marino. Non è il primo caso di uccisione di delfini nel mare siciliano, purtroppo – accade spesso che i volontari recuperino in acqua carcasse di animali uccisi dall’ira dei pescatori. 

Seguici su Telegram | Instagram Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: Facebook

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Ho 25 anni e sono laureata in Lingue Straniere. Sono da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile. Tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook