Cervo ritrovato morto in Thailandia con 7 kg di plastica nello stomaco

Non solo balene o tartarughe, anche gli animali selvatici che vivono nei boschi iniziano a morire per colpla della plastica. Un cervo  con ben 7 chili di plastica nello stomaco è stato trovato morto nel parco nazionale thailandese di Khun Sathan, nella provincia di Nan.

Il cervo aveva 10 anni, non riportava ferite o tagli esterni, e sarebbe morto due giorni prima del ritrovamento. Tramite l’autopsia si è constatato che nello stomaco aveva sacchetti di immondizia, confezioni di caffè istantaneo, confezioni di condimenti, guanti di gomma, asciugamani e persino biancheria intima da uomo, come si può vedere dalle foto pubblicate sulla pagina Facebook ufficiale di DNP.

Il cervo è stato ucciso da un’ostruzione gastrointestinale unita alla vecchiaia e alla presenza dei sacchetti di plastica, e secondo il direttore della regione protetta nel Parco nazionale di Khun Sathan, Kriangsak Thanompun, la sua morte dimostra che il problema della plastica non può più essere sottovalutato. E che la plastica monouso deve necessariamente essere ridotta in favore di prodotti rispettosi dell’ambiente.

plastica

plastica

Anche perché questo cervo non è certo l’unica vittima, se ne contano ogni giorno moltissime in tutto il mondo. Inoltre secondo un rapporto del 2015 di Ocean Conservancy e del McKinsey Center for Business and Environment, il 50% della plastica negli oceani proviene proprio da Thailandia, Cina, Indonesia, Filippine e Vietnam. Di questo passo sempre più animali moriranno a causa dell’indifferenza umana.

Ti potrebbe interessare anche:

Laureata in Scienze dei Beni Culturali, redattrice web dal 2008 e illustratrice dal 2018, ha pubblicato per Giochidimagia Editore "Il sogno attraverso il tempo". Con SpiceLapis ha realizzato "Memento Mori, guida illustrata ai cimiteri più bizzarri del mondo".
Gewiss

Joinon: le nuove colonnine di ricarica smart che si gestiscono via app

TuVali

+ di 100 corsi online su Salute e Benessere, a partire da 5€ su TuVali.it

Roma Motodays
Seguici su Instagram
seguici su Facebook