Cervo selvatico trovato morto con 7 kg di rifiuti di plastica nello stomaco

Aveva sacchetti plastica e altri tipi di rifiuti nello stomaco il cervo selvatico trovato morto in un parco nazionale nel nord della Thailandia. Lo hanno ucciso ben 7 chilogrammi di immondizia ingerita, tra cui buste, bustine di caffè istantaneo, parti di corda di plastica e persino dell’intimo maschile.

È accaduto al Khun Sathan National Park, nel distretto settentrionale di Na Noi, dove il 25 novembre scorso un ufficiale di pattuglia ha trovato il cervo maschio di 10 anni deceduto. Dal suo stomaco sono venuti fuori anche guanti di gomma, spaghetti istantanei e un piccolo asciugamano.

Pensiamo che avesse mangiato quelle materie plastiche per molto tempo prima che di morire”, spiega  Kriangsak Thanompun, direttore del National Park, Wildlife and Plant Conservation Department.

La plastica ha molto probabilmente bloccato il suo canale alimentare, ma verranno fatte ulteriori indagini.

Sui social fioccano le critiche contro quanti frequentano il parco: “Quando vai in un parco, riprendi la spazzatura che hai creato, prenditi le tue responsabilità”, si legge.

cervo plastica thailandia

Ed è quello che assolutamente bisogna fare, non c’è alternativa.

Secondo Kriangsak Thanompun, si sta valutando un “piano trifase” finalizzato a indurre i visitatori a raccogliere materie plastiche e altri rifiuti nell’area del parco nazionale. Il piano contemplerà anche la creazione di un comitato per gestire la gestione dei rifiuti e, infine, mirare a educare il pubblico sulla prevenzione dei rifiuti.

Quello dei rifiuti negli stomaci degli animali, di acqua e di terra, è ormai un tema quanto mai attuale e drammatico. Di mese in mese le cronache sono piene di innocenti bestiole asfissiate dalla plastica. La sua mala gestione o, peggio, la sua mancata differenziazione, sta portando anche e soprattutto il mondo animale alla deriva.

Leggi anche:

Giornalista pubblicista, classe 1977, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing e correzione di bozze. Direttore di Wellme.it per tre anni, scrive per Greenme.it da dieci. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Coop

L’impegno di Coop nell’emergenza coronavirus

Izanz

Quanti e quali tipi di zanzare esistono in Italia?

Roma Motodays
Seguici su Instagram
seguici su Facebook