Cervo muore con 4 kg di plastica nello stomaco

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Aveva quasi 4 chili di plastica nello stomaco la cerva trovata morta nel parco di Nara, in Giappone, l’ultima di una lunga serie.

La colpa sarebbe dei turisti che avrebbero dato da mangiare a questi animali, protetti a livello nazionale, qualcosa di diverso dai classici crackers “senbei” venduti dai venditori nella zona e dedicati proprio alla loro alimentazione.

Secondo la Nara Deer Welfare Association, infatti, che da anni segue anche i flussi turistici in zone di forte fauna selvatica, gli animali del parco, e soprattutto i cervi, mangerebbero loro malgrado un mucchio di plastica, che inevitabilmente porta a un numero elevato di morti.

Una delle caratteristiche di una visita a Nara è proprio la possibilità di passeggiare tra i cervi in libertà, famosi in tutto il Giappone perché legati al culto.

La divinità custodita qui, infatti, all’interno del Santuario Kasuga Taisha, è Takemi Kajichi no Mikoto, che si dice abbia cavalcato verso Nara su un cervo sacro proveniente dal Santuario di Kashima, nella prefettura di Ibaraki. Grazie a questa leggenda, i cervi sono sempre stati considerati animali sacri – aiutanti degli dei – e per questo accuratamente protetti per molti anni come “monumenti naturali”.

Il problema è, ad oggi, la grossa mole di turisti che invade questi luoghi: in un anno si registrano oltre due milioni di visitatori stranieri, il che non può non avere un forte impatto negativo sulla vita di quegli stessi animali.

plastica cervoplastica cervo 1

Da qui, a riempire di plastica i loro stomaci il passo è stato – ahinoi – breve. Seppure Nara sia conosciuta per i suoi “cracker dei cervi” o “shika senbei” (di farina di grano e crusca di riso, fatti senza zucchero per la salute del cervo.

I cracker dei cervi sono un marchio registrato della Fondazione per la protezione dei cervi e una parte dei loro profitti va agli sforzi per proteggere i cervi), in troppi hanno pensato di elargire loro qualcosa di ben diverso o non hanno portato via con sé i rifiuti.

L’ultimo esemplare morto di plastica era un cervo femmina di 17 anni di soli 30 chili. Una volta eseguita un’autopsia sull’animale, i veterinari hanno scoperto che il suo stomaco comprendeva quasi esclusivamente un blocco di plastica indurito costituito da sacchetti di polietilene. Il peso della massa nello stomaco del cervo pesava 3,2 chilogrammi.

Secondo i veterinari l’accumulo di sacchetti di plastica all’interno dello stomaco del cervo ha certamente reso impossibile rigurgitare, digerire e ingerire cibo nuovo. Già otto cervi con cause sconosciute di morte sono stati sottoposti ad autopsia, in sei di questi è stata trovata plastica nello stomaco – il più grande dei quali pesava 4,3 chilogrammi.

Ci sono chiari cartelli intorno a Nara – e anche sul sito web ufficiale – che incentivano i visitatori a dar da mangiare ai cervi solo il senbei, tuttavia ci sono stati avvistamenti di turisti che tendevano sacchi di plastica pieni di cibo e e persino casi in cui i cervi mordevano i sacchetti di plastica trasportati da turisti.

cervo nara 1

Fin quando sarà così, i cervi mangeranno la plastica perché non sono in grado di distinguere tra il materiale sintetico e il cibo, spesso credendo erroneamente che entrambi siano commestibili.

venditore

È per questo che, nel tentativo di impedire ai cervi di mangiare la plastica fatale, la Nara Deer Welfare Association distribuisce una speciale borsa ecologica realizzata con materiali naturali.

Purtroppo, non sono solo gli animali che vivono nei mari muoiono con uno stomaco pieno di plastica, ma anche animali considerati “sacri” e in luoghi impensabili.

Leggi anche:

Germana Carillo
Foto

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook