Trovati centinaia di squali in decomposizione intrappolati in una rete ‘fantasma’

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Mentre erano intenti a fare le loro immersioni nelle acque delle Isole Cayman, quattro sub, tra cui il pescatore 27enne, e istruttore di immersioni, Dominick Martin-Mayes, si sono trovati di fronte a uno spettacolo raccapricciante: centinaia di squali in decomposizione e altri pesci aggrovigliati in una rete fantasma galleggiante.

All’inizio credevano fosse un tronco, ma avvicinandosi hanno riconosciuto la rete, che a quanto pare è rimasta in acqua per mesi, intrappolando tutto ciò che capitava.

Dominick ha riferito all’Independent:

“Prima sono saltato in acqua e sono rimasto scioccato da quello che ho visto. Mi ha lasciato senza fiato – la prima cosa che ho visto è stata la giovane pinna bianca oceanica [squalo].”

I quattro sub si sono addentrati tra i cadaveri per liberarli da quella trappola mortale, ma purtroppo la maggioranza degli animali era già morta, e i tentativi si sono rivelati vani, anche perché hanno dovuto interrompere il salvataggio per non rimanere, a loro volta, impigliati.

Secondo Dominick alcuni pesci erano talmente decomposti da essere irriconoscibili. Subito dopo il macabro ritrovamento, ha informato il Dipartimento dell’Ambiente affinché recuperasse al più presto la rete e il governo delle Isole Cayman ha emesso un avviso per fare in modo di rimuoverla.

Secondo la Cayman Compass non è chiaro se sia trattato di perdita involontaria o abbandono, come spesso accade a causa della negligenza, ma per fortuna, stando agli ultimi aggiornamenti, il pescatore Charles Ebanks l’ha rimorchiata nel porto di Harbour House, dov’è stata recuperata e portata in una discarica per procedere con lo smaltimento.

Purtroppo gli attrezzi da pesca persi o abbandonati in mare, come le cosiddette “reti fantasma“, rappresentano un enorme rischio per la fauna marina. Queste ultime sono in grado si spostarsi per chilometri trascinate dalle correnti e in questo modo uccidono moltissimi animali. Un fenomeno purtroppo molto diffuso, come sottolinea il WWF, secondo il quale i nostri oceani ne sono pieni.

Ti potrebbe interessare anche:

Photo Credit: Instagram

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze dei Beni Culturali, redattrice web dal 2008 e illustratrice dal 2018, ha pubblicato per Giochidimagia Editore "Il sogno attraverso il tempo". Con SpiceLapis ha realizzato "Memento Mori, guida illustrata ai cimiteri più bizzarri del mondo".
Deceuninck

L’importanza della luce naturale in casa e come ottenere giochi di luce con qualche accortezza

TuVali.it

150+ corsi online su Salute e Benessere, a partire da 5€ (in collaborazione con GreenMe)

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook