Una seppia ha superato un test cognitivo progettato per bambini

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Non siamo gli unici esseri intelligenti su questo pianeta, anzi. Se rispetto ad altre specie abbiamo caratteristiche uniche, anche alcuni animali sono dotati di capacità sorprendenti. Un nuovo studio condotto presso l’Università di Cambridge ha scoperto che le seppie hanno superato un test cognitivo pensato per i bambini.

Lo studio, pubblicato oggi sulla rivista Proceedings of the Royal Society B, ha fornito la prima prova di un legame tra autocontrollo e intelligenza in una specie non primate.

Cos’hanno fatto di speciale le seppie? Hanno snobbato “snack” scadenti preferendo attendere e ottenere un spuntino più di loro gradimento.

Il test del marshmallow

E’ il cosiddetto “test del marshmallow” in base al quale chi sa attendere e ritardare la gratificazione più a lungo si rivela più intelligente. Per dimostrarlo, alle seppie comuni (Sepia officinalis) sono stati presentati separatamente due cibi che comunemente esse mangiano. Ad alcune sono stati dati pezzi di gamberone che potevano mangiare immediatamente, ad altre un gamberetto vivo, il loro cibo preferito, che potevano mangiare solo se aspettavano.

Sono stati poi esaminati i tempi della somministrazione a partire da 10 secondi e aumentando di 10 ogni volta. Tutte e sei le seppie coinvolte nel test hanno mostrato autocontrollo, aspettando i gamberetti e ignorando il gamberone. Quelle con il maggior autocontrollo sono state in grado di aspettare anche 130 secondi per avere i gamberetti, un’abilità paragonabile agli animali caratterizzati da un cervello grande come gli scimpanzé.

“Era abbastanza sorprendente che le seppie potessero aspettare più di due minuti per uno spuntino migliore. Perché un animale a crescita rapida con una vita media inferiore a due anni dovrebbe essere un tipo schizzinoso? ” ha detto la dott.ssa Alexandra Schnell del Dipartimento di Psicologia dell’Università di Cambridge, prima autrice dell’articolo.

La capacità di apprendimento di ogni seppia è stata quindi testata in un compito diverso. Un pennarello grigio scuro e uno bianco sono stati collocati in posizioni casuali. Dopo aver imparato ad associare un colore a una ricompensa, quest’ultima è stata cambiata per essere associata all’altro colore. Le seppie che sono state più veloci nell’apprendere l’associazione e più veloci nel realizzare il cambio erano le stesse che mostravano più autocontrollo nel primo compito.

“Abbiamo scoperto che le seppie con migliori prestazioni di apprendimento – un indicatore di intelligenza – mostravano anche un migliore autocontrollo. Questo legame esiste negli esseri umani e negli scimpanzé, ma questa è la prima volta che è stato dimostrato in una specie non primate “, ha detto Schnell.

I ricercatori suggeriscono che l’autocontrollo nelle seppie sia il sottoprodotto di un altro comportamento: esse sono capaci di rimanere mimetizzate sul fondo del mare per lunghi periodi di tempo per evitare i predatori.

“La capacità di esercitare l’autocontrollo è un elemento importante della pianificazione il futuro, che è un comportamento piuttosto sofisticato”, ha detto il professor Nicola Clayton del Dipartimento di Psicologia di Cambridge, autore senior del rapporto. “L’autocontrollo richiede la consapevolezza che ‘a volte meno è meglio’ e che evitare le tentazioni ora potrebbe portare a risultati migliori in futuro”.

Tra gli animali, le scimmie e i loro intelligenti cugini piumati, i corvidi e i pappagalli, hanno un autocontrollo relativamente alto quando si tratta di mangiare. Per ratti, polli e piccioni è molto più difficile non mangiare subito il cibo.

L’ennesima dimostrazione del fatto che gli animali siano più intelligenti di quanto immaginiamo.

Fonti di riferimento: Università di Cambridge, Proceedings of the Royal Society B

LEGGI anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
eBay

Moda circolare: vendi le cose che non metti e adotta un comportamento sostenibile

eBay

Come scegliere il gazebo perfetto

NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook