@Andrea Lo Bello/via Enrico Rizzi

Botticelle: ennesimo cavallo si accascia a terra a Palermo, costretto a girare con il troppo caldo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Provano a rianimarlo con delle secchiate d’acqua, ma il cavallo accasciato a terra non dà cenni di ripresa. È accaduto qualche ora fa a Palermo. Sullo sfondo si vede la botticella che il povero animale chissà per quante ore ha dovuto trainare.

Questo è l’ennesimo cavallo esausto che crolla, perché costretto a girare dalla mattina alla sera, senza alcuna sosta, sotto il sole cocente con 40 gradi, in piena violazione del codice penale. Accade purtroppo ancora in molte città di Italia, nonostante le ordinanze del caso e le proteste degli animalisti che da anni denunciano questa situazione.

Le immagini di questo ennesimo grave episodio viene da un giovane ragazzo che ha ripreso tutta la scena, diffusa sui social dall’animalista Enrico Rizzi (per vedere il video clicca qui)

Purtroppo quello che accade ogni giorno ai cavalli a Palermo lo sanno tutti, ma la storia si ripete. Tra corse clandestine, animali dopati e cavalli che muoiono di stenti per le strade. 

“Mi chiedo se a Palermo esiste un Questore, un Comandante dei Carabinieri, un Prefetto, un Sindaco, un Comandante della Polizia Locale, un Servizio Veterinario pubblico della ASL. Qualcuno si degna di adempiere ai propri doveri d’ufficio e far rispettare le leggi a tutela degli animali? Questo cavallo va subito individuato e sequestrato”, conclude Rizzi.

E pensare che a Palermo esistono delle fantastiche e piccole Apecar che ti portano in giro a visitare la città. Lasciamo in pace i cavalli!

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook