Salviamo i cavalli sardi, stanno morendo per colpa della siccità

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Denutriti, allo stato brado e in una situazione di sofferenza, nelle montagne tra Dolianova e Sinnai, in Sardegna, la località “Genn’e funtana” rischia di diventare un cimitero di cavalli che non riescono a trovare cibo a causa della siccità.

Non è passato inosservato il video postato su Facebook da Tonio Dessì che scrive:

“Stanno morendo i cavallini, ne abbiamo contato almeno sei e altri moribondi. Chi potrebbe intervenire per salvare la situazione?”

Per adesso, una mano d’aiuto è stata data dall’associazione “Amico mio” di Sestu che ha portato foraggio, mentre guardie forestali e i veterinari della Asl sono al lavoro per capire come porre rimedio a questa situazione drammatica.

“Qualche tempo fa i cavallini, allo stato brado, erano una ventina e tutti in buona salute. Sabato invece ci siamo ritrovati di fronte a una strage, scene raccapriccianti: otto cadaveri – tra cui quello di un bue – alcuni in stato avanzato di decomposizione, sparsi per la montagna. Vedendo il primo, abbiamo pensato a un caso ma poi ne abbiamo notati altri due sul letto del fiume e così via. C’erano solamente tre cavalli vivi, tra cui uno moribondo che non si reggeva in piedi. Chissà che fine hanno fatto gli altri”, ha detto Tonio Dessì all’Unione Sarda.

I cavalli sono pelle e ossa e a stento riescono ad alzarsi per procurarsi delle erba fresca, vivono tra le carcasse di quelli che non ce l’hanno fatta. Tutta la montagna soffre la siccità, ma dietro la loro morte potrebbero esserci anche altre cause, che verranno rese pubbliche dai veterinari dopo i controlli.

Parliamo di cavalli che vivono in libertà e allo stato brado, per cui non essendo di proprietà, spetta al comune intervenire per il loro benessere. Il sindaco di Dolianova, Ivan Piras non si è sottratto ai suoi doveri, dopo un sopralluogo ha predisposto la possibilità di raccolta del foraggio, poi distribuito dai volontari dell’associazione.

Potrebbero interessarvi:

Una misura temporanea che darà un po’ di respiro a questi cavalli, ma è chiaro che bisognerà trovare delle soluzioni meno precarie e più tempestive.

Cosa puoi fare tu

Il cuore grande dei sardi ha già dato un ottimo risultato e in tanti si sono mobilitati, come si legge nei post della pagina Facebook “Salviamo I Cavalli della località Genn’e Funtana”, creata per supportare la causa, chiunque volesse dare il proprio contributo può mettersi in contatto con loro che sapranno dare le indicazioni più esatte.

Intanto i volontari fanno sapere:

“Ci serve una mano, questi cavalli stanno morendo di fame e di stenti: chiunque possa aiutarci, con donazioni o con un po’ di foraggio, lo faccia”.

Dominella Trunfio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook