Carcere di Gorgona, un esempio di recupero dei detenuti grazie agli animali domestici

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Coltivare la terra e svolgere attività con gli animali aiuta a raggiungere l’obiettivo di rieducazione, crescita culturale e reinserimento sociale e lavorativo dei detenuti. Lo dimostra l’esperienza del carcere di Gorgona, l’ultima isola-penitenziario italiana.

Ma tutto questo ha rischiato di finire per colpa della “spending review”, che ha dato il via alla vendita degli animali legati al progetto per la rieducazione dei 70 detenuti del carcere dell’isola di Gorgona. Da oggi, però, ci sono ottime novità. Il Governo si è impegnato “a valorizzare e promuovere buone pratiche come l’esperienza di reinserimento e recupero dei detenuti del carcere dell’isola di Gorgona attraverso attività con animali domestici”.

Lo stabilisce il punto 21 della Mozione firmata da ventitre senatori fra i quali Amati, Cirinnà, Fissore e Granaiola (Pd), Mazzoni e Bonfrisco (Forza Italia), De Petris e Petraglia (Sel), Schifani (Ncd), Repetti (Gruppo Misto) approvata ieri con 170 voti a favore e solo 3 contrari dall’Aula di Palazzo Madama, nel corso del dibattito parlamentare per la promozione della cultura contro i maltrattamenti degli animali.

“È un punto positivo di svolta per non far morire la positiva esperienza di recupero dei detenuti alla Gorgona così come le decine di animali come bovini, suini, pecore, capre, cavalli e galline che non devono essere utilizzati o venduti per la produzione e la macellazione”, dichiarano le associazioni LAV ed Essere Animali, chiedendo che il Ministro della Giustizia Orlando ora passi dalle parole ai fatti.

mucca gorgona

Basterebbe bloccare la cessione dell’attività di gestione degli animali sull’isola, recuperando intenti e professionalità che hanno consentito negli ultimi anni a questo carcere di essere un positivo esempio a livello nazionale e non solo, per il perseguimento dell’obiettivo costituzionale del recupero dei detenuti e della tutela degli animali come previsto dal Trattato dell’Unione Europea.

Roberta Ragni

Photo Credit

Leggi anche:

I detenuti diventano dog-sitter: i cani ex-randagi nel Carcere di Bollate
Le 10 isole più belle d’Italia? Le ex colonie penali
Galline in fuga dalle loro gabbie trovano la libertà…in carcere

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook