Nel nostro mare c’è un capodoglio ferito e impigliato in una enorme rete (e ha bisogno di noi)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Nel nostro mare c’è un cetaceo (l’ennesimo), che ha bisogno di noi. Si chiama “Furia” ed è un magnifico e giovane esemplare di capodoglio femmina, rimasto intrappolato in un enorme rete da pesca.

L’ultimo avvistamento è stato al largo dell’isola di Salina il 18 luglio. Per questo, il WWf ha lanciato un appello a chiunque si trovi in navigazione nel tratto di mare eoliano e lo avvisti a segnalarlo immediatamente al numero 1530 della Guardia Costiera.

ATTENZIONE, NEL MOMENTO IN CUI SCRIVIAMO, I TENTATIVI STANNO PROSEGUENDO, AL CONTRARIO DI QUELLO CHE RIPORTANO ALTRI MEDIA, PURTROPPO NON SONO ANCORA RIUSCITI A LIBERARLO, SIAMO IN CONTATTO DIRETTO CON IL WWF E GLI OPERATORI LOCALI.

Quella per salvare Furia è una corsa contro il tempo. Il Corpo della Guardia Costiera insieme a biologi ed attivisti di diversi enti e associazioni tra cui il MuMa di Milazzo, Sea Shepard e Filicudi Wildlife Conservation, hanno trascorso gli ultimi due giorni e due notti a monitorarla e seguirne i movimenti. Ma l’attività di liberazione è risultata difficile a causa dell’agitazione del giovane capodoglio di circa 10 metri, ferito e impossibilitato nei movimenti.

Furia è intrappolata in una grossa rete che costringe la sua pinna caudale, non riesce a nuotare liberamente e potrebbe avere dei problemi nell’immergersi per alimentarsi.

“Il fattore tempo, ora, è fondamentale per salvarlo”, dice la presidente del WWF Italia Donatella Bianchi. Facciamo girare questo appello, salviamo Furia!

©Carmelo Isgrò, biologo, direttore del MuMa-Museo del Mare di Milazzo

©Carmelo Isgrò, biologo, direttore del MuMa-Museo del Mare di Milazzo

©Carmelo Isgrò, biologo, direttore del MuMa-Museo del Mare di Milazzo

© Carmelo Isgrò, biologo, direttore del MuMa-Museo del Mare di Milazzo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Instagram

Seguici anche su Instagram, greenMe sempre a portata di mano

Telepass

Telepass: quante emissioni fa risparmiare non fare la fila al casello?

Coripet

Meno plastica con le bottiglie realizzate in PET riciclato, Bottle to Bottle di Coripet premia te e l’ambiente

Incendi Sardegna 2021

Le immagini, le storie e i numeri degli incendi che stanno devastando l’isola mettono i brividi

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook