Capodanno: come proteggere gli animali dai botti

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Capodanno non è una guerra. Eppure ogni anno la notte di San Silvestro rischia di trasformarsi in una strage a causa dei “botti”. E non solo per noi umani. Gli “spari” di fine anno sono, infatti, una pesante fonte di stress e un serio fattore di rischio anche per gli animali, sia per quelli domestici che, soprattutto, per quelli selvatici.

Botti, fuochi artificiali, spari e petardi sono dei rumori lancinanti per molte specie, dotate di un udito molto più sviluppato del nostro. I boati possono provocare in loro un tale senso di disorientamento da portare persino alla morte. Gli uccelli, ad esempio, fuggono all’impazzata dai loro nidi terrorizzati, volando alla cieca, e molti di loro perdono la vita urtando contro muri o un tralicci dell’alta tensione. I bovini “in attesa” possono addirittura abortire per la paura. Cani e gatti di proprietà possono perdere la vita sotto un automobile o non riesciure a più ritrovare la strada di casa.

Possedendo codici linguistici e comportamentali diversi da quelli dell’uomo –spiega l’Enpa in comunicatoper loro il fragore dell’esplosione costituisce un inequivocabile segnale d’allarme che innesca reazioni incontrollate di panico, e non come per noi il presunto segno di un momento di festa”.

Anche la Lav mette in guardia sui pericoli dell’ultima notte dell’anno: i forti rumori sono fonte di pericolo per gli animali poiché li gettano nel terrore, inducendoli a reazioni istintive e incontrollate, come divincolarsi follemente per strappare la catena, gettarsi giù da finestre e balconi, scavalcare recinzioni, liberarsi dal guinzaglio e fuggire in strada mettendo seriamente a repentaglio la loro incolumità e quella degli altri”, chiarisce Ilaria Innocenti, responsabile LAV settore Cani e Gatti, in una nota.

Come evitare allora che i festeggiamenti di capodanno si traducano in una tragedia che non risparmia domestici e selvatici? Ecco una serie di consigli pratici che vengono dalle associazioni animaliste per proteggere gli animali e limitare lo stress causato da botti e petardi.

– togliete ogni oggetto contro il quale, sbattendo, potrebbero procurarsi ferite;

– evitate di lasciarli all’aperto;

– non teneteli legati alla catena perché potrebbero strangolarsi;

– non lasciateli sul balcone perché potrebbero gettarsi nel vuoto;

– rinunciare al veglione ma vivere il momento “dei botti” insieme ai vostri animali in una zona tranquilla della casa, anche se normalmente vivono all’esterno;

– cercate di minimizzare l’effetto dei botti tenendo accese radio o TV, soprattutto se l’animale resterà solo;

– se portate a spasso il vostro cane, non slegatelo mai dal guinzaglio;

– rivolgetevi al veterinario nei casi di animali anziani, cardiopatici e/o particolarmente sensibili allo stress dei rumori ed evitate i rimedi fai da te;

– dotateli di tutti gli elementi identificativi possibili (microchip, medaglietta identificativa con indirizzo e telefoni validi);

– se l’animale scompare presentate subito una denuncia di smarrimento;

La soluzione più efficace, in realtà, sarebbe quella di vietare “l’uso dei botti”, una strada che alcune amministrazioni comunali hanno già iniziato a prendere in considerazione. Come a Torino, dove il primo giorno del 2012 verrà accolto senza fuochi d’artificio, proprio per non spaventare gli animali. Il divieto arriva dal “regolamento per la tutela e il benessere degli animali in città”, entrato in vigore lo scorso 14 marzo e che è stato esteso dalla Giunta su tutto il territorio comunale. La pena, per chi dovesse contravvenire, non è solo una multa che va da 25 a 500 euro, ma si rischia anche una denuncia penale per maltrattamento di animali. Ma anche dove non si rischia alcuna multa, date voi il buon esempio, non usando petardi e fuochi d’artificio e ricordando che anche un semplice botto basta a causare una tragedia.

Roberta Ragni

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook