I cani salvati dal terremoto ora aiutano i malati di cuore

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Cani che aiutano cardiopatici. Accade nei pressi di Milano dove sono stati assegnati a pazienti cardiopatici i primi cani abbandonati nelle zone colpite dal terremoto del Centro Italia.

Loro sono Jack, di 5 anni, un incrocio di setter, e Lola, di 2 anni, esemplare di “arlecchino”, provenienti da Foligno, e poi c’è Aurelio, un cagnolino abbandonato da molti anni, e la loro adozione rientra nel progetto della Fondazione Iseni di Malpensa, che vuole “superare il concetto di semplice pet therapy” e fare in modo che i pazienti degli istituti di ricovero e cura del gruppo possano proseguire gratuitamente la loro terapia clinica facendo entrare in famiglia un cane.

LEGGI anche: COME IL CANE MIGLIORA LA VITA: 10 MOTIVI PER NON FARNE PIÙ A MENO

Si tratta di una convenzione firmata con Animal’s Emergency, l’associazione che raccoglie i cani abbandonati e che provvederà ad assegnarli ai malati cardiopatici.

Secondo studi scientifici, la presenza di un cane nella vita di un paziente cardiologico permette di allungare sensibilmente la sua vita”, spiega il Presidente della Fondazione Fabrizio Iseni.

Si prolunga fino a 4 volte, a parità di patologie e di trattamenti, di cui ovviamente non si potrà né si dovrà fare a meno”, lo segue il dottor Andrea Macchi, cardiologo e direttore generale degli Istituti di Ricovero e Cura di Lonate.

cani cardiopatici

Una autentica terapia a 4 zampe la cui efficacia è nota da tempo: amore, gioco, compagnia e divertimento e l’occasione buona per muoversi un po’. Avere animali domestici fa bene alla salute mentale, aumenta la produttività del lavoro e fa bene anche alla nostra salute fisica. Secondo uno studio giapponese, infatti, cani o gatti migliorano la salute del cuore nelle persone affette da malattie cardiache.

LEGGI anche: AVERE UN CANE FA BENE AL CUORE. E NON SOLO

La presenza di Aurelio nella mia vita mi fa sentire viva, mi fa sentire meglio, mi fa cambiare prospettiva anche di fronte a una malattia importante, come quella del cuoreracconta Anna Macchi, una delle prime pazienti cardiologiche degli Istituti di Ricovero e Cura del Gruppo Iseni ad aver preso in adozione un cucciolo – mi costringe a camminare e muovermi, anche se ho difficoltà, ma questa attività fisica è importantissima per me, ne sono consapevole. Aurelio inoltre è un cagnolino molto tranquillo e affettuoso, si muove anche lui lentamente, come me. Siamo in sintonia perfetta e ci facciamo compagnia, l’uno con l’altra”.

cani cardiopatici 1

Via libera, dunque, a iniziative simili, che migliorano la qualità della vita dei pazienti e al contempo danno una casa e una famiglia agli animali abbandonati. Col sisma di agosto scorso, si sa, tra i dispersi sotto le macerie ci sono stati anche tantissimi animali che non rivedranno più i loro proprietari. Per loro è stata attivata una rete di cliniche e ambulatori in tutta Italia e magari si riuscisse a collocarli ognuno in nuovo sereno contesto familiare o di aiuto ai malati.

Germana Carillo

Fonte foto

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook