Cani sfruttati per mendicare: salvati 3 animali dall’accattonaggio a Roma

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Legati alla grata di un negozio in Via Nazionale, a Roma, e in precarie condizioni di salute: un levriero e un pastore tedesco facevano “da scorta” a un mendicante 52enne che di loro, dei cani, non aveva la pur minima cura. Tanto da picchiarli e ridurli in fin vita.

Ed è così che gli agenti della Polizia di Stato del Commissariato “Trevi Campo Marzio” hanno scovato questi due poveri cuccioli in pessime condizioni, sfruttati unicamente per “far pietà” e chiedere le elemosina.

Subito un primo accertamento ha consentito di notare che il levriero, di sesso femminile, aveva problemi di deambulazione. Poi, dai successivi esami medici son venute fuori fratture a un dito di una zampa e della coda.

Per l’uomo senza fissa dimora è scattata la denuncia per maltrattamento di animali, mentre i cani sono stati affidati a un’associazione per le cure mediche, sperando in una loro successiva adozione.

Un caso, questo, che purtroppo non rimane isolato: l’accattonaggio con animali, ovvero quello di chi in genere usa sfruttare i cani, spesso cuccioli per attirare lo sguardo dei passanti e chiedere soldi, è un problema dilagante.

Solo la scorsa settimana, sempre a Roma, un altro clochard era stato fermato perché strattonava ripetutamente un cucciolo di soli 3 mesi colpendolo sulla testa, mentre ancora prima, a Termini, un altro cagnolino era stato portato via dalle mani del proprietario che lo usava per intenerire le persone.

Questi fenomeni avvengono un po’ ovunque e non solo a Roma e dietro di essi esistono, ahimè, delle vere organizzazioni criminali che fanno in modo che i cani femmina sfornino un cucciolo dopo l’altro. I piccoli vengono usato proprio per l’accattonaggio e, una volta diventati grandi, vengono uccisi o abbandonati.

Terrificante. Cosa fare? Non cedete al ricatto e alla compassione che vi ispira quell’innocente musetto. Se doveste vedere un cane (o qualsiasi altro animale!) maltrattato e sfruttato unicamente per chiedere le elemosina, ma magari contattate le autorità competenti o un’associazione animalista.

Qui trovate tutti i numeri utili.

Germana Carillo

LEGGI anche:

Cammelli mutilati per chiedere l’elemosina in Cina (foto)

Maltrattamento animali: 10 orribili pratiche che la Cina dovrebbe abolire

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook