Cani Panda: l’ultima insana mania della Cina (FOTO)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il chow chow panda non esiste. È solo un cane tinto per assomigliare al mammifero in via di estinzione, emblema nazionale della Cina. Eppure il fatto che si tratti di un “trucco” non demoralizza le migliaia di acquirenti, che impazziscono ugualmente per i “cani-panda”.

Lo racconta il proprietario di un negozio per animali domestici di Chengdu, capitale della provincia del Sichuan, Hsin Ch’en, che ha raccontato di non riuscire a tenere il passo con la domanda di cani Chow chow tinti come i panda.

cani panda 4

“Ho perfezionato la tecnica e ora si sta diffondendo in tutto il paese – racconta-. Con un po’ di cura e colore è facile trasformare un chow in un cane panda, in circa due ore. Il trattamento rimarrà per circa sei settimane, poi i proprietari dovranno tornare per alcuni ritocchi”.

Un make-up, assicura il negoziante, senza sostanze chimiche né maltrattamenti (ci fidiamo?). E piuttosto costoso, anche se agli acquirenti “non dispiace pagare un extra, a loro piace il fatto che la gente si giri per strada e possano dire ai loro amici: “Ho un cane panda”‘, continua Chen.

cani panda 3

cani panda

Prima di dire “che carini”, fermatevi a riflettere sulla necessità di applicare questa non meglio definita tecnica solo per il nostro gusto estetico. Anche perché i Chow Chow son stupendi di loro. Il nostro consiglio? Lasciate perdere trattamenti di colorazione delle pellicce degli animali: se siete alla ricerca di un compagno a quattro zampe e sicuri di assumervi questa responsabilità, date un’occhiata nei nostri canili e troverete esemplari stupendi anche senza trucco. Ecco perché adottare un cane farà bene alla vostra vita.

Roberta Ragni

Fonte e Photo Credit

Leggi anche:

Vita da cani… di lusso. In Brasile è boom di SPA, manicure, boutique e asili nido per animali

Pellicce per cani: quando gli umani vestono Fido di morte

Come il cane migliora la vita: 10 motivi per non farne più a meno

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook