AAA: cercansi famiglie affidatarie per futuri cani guida per ciechi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Socializzare: devono imparare a far questo i nuovi cuccioli della Scuola nazionale cani guida per ciechi della Regione Toscana. È così che dei labrador color miele, labrador neri e dei golden retriever verranno adottati per un anno con lo scopo di diventare dei cani-guida professionisti.

Perché tutto ciò accada, servono delle famiglie disposte a tenerli in casa per un po’ di tempo e la Regione Toscana rivolge un appello ai residenti di Firenze e provincia affinché diventino famiglie “affidatarie” .

L’appello viene dalla Regione e dall’assessore regionale al sociale, sport e diritto alla salute Stefania Saccardi.

Le famiglie affidatariespiega la Saccardi – sono importanti e svolgono un ruolo decisivo nella formazione del carattere e nella educazione del cucciolo nel primo anno di vita. La dedizione delle famiglie a questo compito sarà gratificata, oltre che dalla gioia di avere in casa un cucciolo delizioso, anche dal sapere che una persona non vedente, anche grazie a loro, può riacquistare la propria autonomia e avere maggiore sicurezza negli spostamenti e nella mobilità in generale”.

LEGGI anche: TRENI, AEREI E NAVI: LE COMPAGNIE PET FRIENDLY CHE PERMETTONO DI VIAGGIARE CON I NOSTRI AMICI ANIMALI

Tutte le spese, specificano, sono a carico della Regione: vaccinazioni, cure veterinarie, mangime, corredo per il cane. La famiglia affidataria dovrà solo dare il suo tempo e il suo affetto al cucciolo che ospiterà in casa, che dovrà imparare a stare in mezzo alla gente ed essere educato.
Le famiglie saranno seguite dagli istruttori della scuola, ci saranno incontri formativi, le cosiddette “puppy class” e ogni cucciolo rientrerà alla Scuola una settimana ogni mese per i controlli, le visite veterinarie e i supplementi “formativi”.

LEGGI anche: VACANZE CON GLI ANIMALI: 10 COSE DA SAPERE PER VIAGGIARE CON CANI E GATTI

Ci sono famiglie – conclude la nota della Regioneche una volta cominciata questa esperienza, non riescono a non ripeterla, e quando il cucciolo, allo scadere del primo anno di vita rientra definitivamente alla scuola per le tappe successive e finali della formazione, si ricandidano per un nuovo affidamento. Ma c’è comunque necessità di trovare nuovi nuclei familiari disponibili. E la scuola di Scandicci rinnova a tutti il proprio appello”.

caniguida toscana 1 jpg

Forza, allora, famiglie di Firenze e provincia! Un piccolo grande cucciolo che un giorno aiuterà i meno fortunati vi aspetta per essere educato a dovere. Qui potete trovare tutte le informazioni:

www.regione.toscana.it/scuolacaniguida

mail: [email protected]

Tel.055/4382850

Germana Carillo

Photo Credit

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

ABenergie

Smart working: come scegliere il tuo gestore di energia ora che lavori da casa

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook