Cani annusa-tumori: via libera ai test in Gran Bretagna

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Cani in grado di fiutare i tumori e di aiutare i medici nella diagnosi precoce della malattia. L’organizzazione Medical Detection Dogs ha da poco ottenuto l’approvazione da parte del Servizio Sanitario Nazionale della Gran Bretagna per condurre una verifica ufficiale della capacità dei cani di fiutare le cellule tumorali.

In precedenza la scienza si è già occupata di studiare il fiuto dei cani rispetto alla loro capacità di rilevare gli odori sottili associati a diversi tipi di cancro, tra cui il tumore alla mammella, alla vescica e ai polmoni.

Nel caso del tumore alla prostata, test iniziali hanno dimostrato che i cani appositamente addestrati hanno un tasso di precisione nel rilevamento pari al 93%. I cani stanno dimostrando di avere un olfatto straordinario e di garantire a volte una maggiore precisione rispetto ai comuni test clinici.

Medical Detection Dogs addestra i propri cani per circa sei mesi prima che siano in grado di fiutare in modo affidabile le tracce di cellule tumorali presenti in campioni di urina. I cani si siedono vicino al contenitore del campione oppure lo leccano per indicare che hanno rilevato l’odore delle cellule tumorali.

Secondo la dottoressa Claire Guest, i cani sono in grado di rilevare la presenza di cellule tumorali nei campioni quasi istantaneamente. I cani hanno la capacità di valutare centinaia di campioni ogni giorno in modo molto semplice. Per loro si tratta di un “gioco di caccia” e il loro obiettivo è scovare il cancro.

Il cancro alla prostata è il tumore più comune per gli uomini nel Regno Unito e rappresenta purtroppo anche una delle più diffuse cause di morte. Il test dell’antigene prostatico specifico PSA attualmente viene utilizzato per la diagnosi della malattia. Tuttavia questa procedura è nota per avere un tasso elevato di falsi positivi.

Ciò significa che molte persone vengono sottoposte inutilmente a procedure invasive. Con un’analisi delle urine e l’intervento dei cani annusa-tumori, tutto diventerebbe più semplice e più preciso a parere degli esperti britannici.

Gli scienziati ritengono che questi cani possano essere d’aiuto per rivelare le imprecisioni del test PSA e contribuire allo sviluppo di servizi migliori per l’individuazione precoce dei tumori. I ricercatori sperano inoltre che l’acuto senso dell’olfatto dei cani possa essere utilizzato per rilevare anche atre malattie. Ciò apre nuove strade importanti per il futuro.

Marta Albè

Fonte foto: Medical Detection Dogs

Leggi anche:

Frankie: il cane che annusa i tumori (e non sbaglia)
Cresce il numero dei cani annusa-tumori: le storie più belle
Cani annusa tumori: arrivano anche in Italia i medical detection dogs

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Life Coach, insegnante di Yoga e meditazione. Autrice del libro “La mia casa ecopulita” edito da Gribaudo - Feltrinelli editore.
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook