Il cane in spiaggia tiene lontano i batteri

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Se siete appena tornati dalle vacanze al mare e avete litigato col vicino d’ombrellone per il semplice fatto di aver portato con voi il vostro caro Fido, la notizia è di quelle da segnare. Un nuovo studio realizzato dall’Environmental Protection Agency (EPA) ha scoperto che i cani in realtà ripulirebbero le spiagge dai microbi.

Guidati da Reagan Reed Converse, microbiologo ambientale dell’EPA a Chapel Hill, gli scienziati hanno dimostrato che la presenza dei cani al mare mantiene i gabbiani lontano dalla spiaggia evitando che i loro escrementi, ricchi di microbi, possano sporcare sabbia e mare.

I gabbiani sono tra gli animali più sporchi visto che si alimentano anche rovistando tra la spazzatura. Nelle loro feci gli esperti hanno trovato l’Escherichia coli e Enterococcus, che possono provocare diverse malattie. Come fare allora per allontanarli in modo ‘naturale’, spingendoli a cacciare in mare, a tutto vantaggio anche della loro salute? Semplicemente portando in spiaggia anche i cani.

In passato, i ricercatori del Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti avevano usato metodi poco ortodossi per cercare di ridurre le popolazioni di gabbiani sulle spiagge “oliando” i loro nidi, ossia spruzzando olio sulle uova.

Evitando di far loro del male, la nuova ricerca dell’EPA, ha raccolto prima dei campioni di acqua sulla spiaggia per i primi 11 giorni dell’agosto del 2011 per ottenere una conta iniziale dei batteri. Poi gli esperti ha dato libera uscita ad un branco di cani a North Beach, dopo aver eliminato tutte le altre fonti di inquinamento, quali il dilavamento delle acque reflue, lasciando i gabbiani come fonte primaria di contaminanti nell’acqua.

Dalle analisi successive, è emerso che i cani avevano avuto un impatto significativo sulla riduzione dei batteri e dell’inquinamento. Il team di ricerca ha analizzato i campioni in laboratorio misurando le concentrazioni di E. coli, Enterococcus, e altri contaminanti, rilevando la presenza di batteri potenzialmente patogeni come Salmonella e Campylobacter (che comprende una specie C. jejuni, che provoca la gastroenterite) prima dell’arrivo dei cani. Dopo 9 giorni dal loro arrivo, i batteri patogeni, soprattutto l’E.Coli e l’Enterococcus erano diminuiti rispettivamente del 29% e del 38%.

Tutti contenti? Forse i gabbiani un po’ meno.

Lo studio è stato reso noto su Environmental Science & Technology.

Francesca Mancuso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
NaturaleBio

Cacao biologico naturale, in granella o in polvere: benefici e ricette per portarlo in tavola con gusto

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Cristalfarma

Come gestire nel proprio piccolo disturbi d’ansia e stress di uno dei momenti storici più difficili

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook