Cane muore dopo aver mangiato due biscotti. Ucciso da un ingrediente che non ti aspetti (e non è il cioccolato)

cane-xilitolo

Il suo cane muore dopo aver mangiato dei biscotti, la proprietaria avverte sui rischi di un ingrediente in particolare

Un evento imprevisto e tragico è quello che ha colpito Kate Chacksfield e il suo adorato cane Ruby, un bracco ungherese femmina di 7 anni che è morto in seguito all’assunzione di 2 brownies. Ma cosa ha davvero provocato la sua morte?

In seguito alla morte della sua adorata cagna, una donna londinese sta facendo una vera e propria campagna social e televisiva per avvisare tutti gli amanti degli animali riguardo ai rischi di un ingrediente contenuto in alcuni tipi di biscotti. Ma facciamo un passo indietro.

Ruby è morta nell’ottobre 2018 dopo aver mangiato 2 biscotti che Kate aveva lasciato sigillati sopra ad un tavolo. La donna avverte che ad essere fatale per l’animale non è stato, come si potrebbe pensare, il cacao bensì lo xilitolo, un sostituto dello zucchero, tossico per i cani di tutte le taglie.

Purtroppo questo dolcificante è sempre più presente in biscotti e alimenti, diventa di conseguenza più facile che i nostri animali domestici lo assumano inavvertitamente, con tutti i rischi che questo comporta.

Come ha dichiarato la donna ad un quotidiano britannico:

“Conoscevo i pericoli del cioccolato per i cani, ma non avevo alcuna conoscenza dei rischi dello xilitolo. Se l’avessi avuta, avrei portato subito Ruby dai veterinari non appena mi ero accorta che aveva mangiato i brownies.”

Dato che Ruby aveva già mangiato in passato piccole quantità di cioccolato e non era successo nulla, anche nell’ultimo caso la donna non si era particolarmente preoccupata. Ma dopo 36 ore dall’ingestione, la situazione è drammaticamente degenerata.
Nonostante la corsa dal veterinario, non si è capito subito esattamente cosa era successo e si pensava che Ruby fosse vittima di avvelenamento da ratto, che il cane poteva aver mangiato quando era fuori casa.

cane xilitolo 1

Ruby finì collegata ad una miriade di tubi e, con l’aiuto dei medici, combatteva per la sua vita. Una volta trasferita al Royal Veterinary College, si scoprì finalmente che era lo xilitolo ad aver creato i gravi problemi di cui soffriva l’animale. A quel punto, però, era troppo tardi per salvarla. Ruby morì di insufficienza epatica e un sospetto ictus dopo otto giorni.

Secondo il dottor Nicola Robinson, capo del servizio di informazione sui veleni veterinari, anche una piccola quantità di xilitolo è tossica per i cani.

“Basta solo mezzo grammo di xilitolo puro per chilogrammo di peso – circa un ottavo di un cucchiaino da tè – per causare insufficienza epatica nei cani. Circa un quarto di un cucchiaino è sufficiente per danneggiare un cane delle dimensioni di un Labrador.”

cane xilitolo

Per Ruby ormai è troppo tardi, ma la sua proprietaria sta facendo di tutto per diffondere la sua storia, convinta che in questo modo si potrà salvare la vita ad altri animali domestici.

“Sto facendo quello che posso ora per mettere in guardia gli altri e sensibilizzare, dato che non voglio che un altro proprietario di un cane passi quello che ho passato io” ha dichiarato la donna.

Oltre allo xilitolo, vi ricordiamo anche altri ingredienti tossici per i nostri cani:

  • cioccolato
  • dolci e gelati
  • aglio
  • cipolle
  • noci
  • sale (e alimenti che lo contengono)
  • uova
  • uva e uvetta
  • ossicini

Facciamo sempre attenzione a tenere lontane le “tentazioni” dai nostri amici animali!

Leggi anche:

Francesca Biagioli

Yves Rocher

Premio Terre de Femmes e l’impegno di Yves Rocher nella tutela dell’ambiente

Seat

Auto a metano, il self service darà una nuova spinta?

Germinal Bio

10 idee da mettere dentro il cestino da picnic e accontentare tutti

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

corsi pagamento

seguici su facebook