La strage dei cani randagi egiziani di cui nessuno parla: impiccati vicino alle piramidi di Giza

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Impiccati vicino alle Piramidi di Giza in Egitto. Una sorta di esecuzione per alcuni cani che riapre il dibattito sul fenomeno del randagismo e sul piano di deportazione del governo locale.

Luci e ombre sull’ennesimo maltrattamento ai danni degli animali. Questa volta è toccato a degli innocenti cani randagi. Purtroppo non si conoscono i nomi dei colpevoli né le motivazioni, anche se i residenti della zona azzardano un colpo di testa a causa del numero elevato di cani.

Nel paese, i cani randagi sono circa 15milioni. Ma i dati sono allarmanti in tutti i sensi: circa 1,3 milioni di persone sono state morse e 231 sono decedute. Dall’inizio dell’anno, le morti sono state 65. Il pericolo, dunque, è reale, ma non è certo con l’impiccagione che si risolve il fenomeno del randagismo.

Lo scorso novembre, il governo egiziano aveva parlato addirittura di deportazione per oltre 4mila cani e gatti e non di certo verso una casa accogliente e una famiglia amorevole, ma verso le cucine dei paesi dove mangiare questi animali è una consuetudine.

Numerose le polemiche e lo sdegno, perfino l’attaccante del Liverpool Mohamed Salah si era scagliato contro l’idea.

“Gatti e cani non saranno esportati da nessuna parte. Non succederà”, aveva scritto su Twitter.

Mentre i funzionari egiziani negavano la deportazione verso paesi esteri, i quotidiani locali davano riscontro di autorizzazioni e licenze per dare il via al trasporto.

Sempre a novembre, il portavoce del governo Hamed Abdel Dayem aveva detto ad al-Hadath al-Youm che i timori erano infondati e che cani e gatti non sarebbero arrivati in paesi dove sarebbero stati mangiati.

Adesso però questa nuova violenza mostra che non bisogna abbassare la guardia e che tutti i randagi sono in pericolo.

Leggi anche:

Dominella Trunfio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook