Cancro al seno: sempre più diffuso nei cani. Una spia per prevenire i tumori delle donne?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

I tumori al seno non sono solo ereditari, ma dipendono anche da cause ambientali, come inquinamento o esposizione a sostanze tossiche e interferenti endocrini. Per questo capire come e perché i cani vengono colpiti da cancro alle mammelle puo’ essere fondamentale non solo per loro, ma anche per gli uomini.

“I cani bevono la nostra stessa acqua, sono esposti alle stesse tossine. Il presupposto logico è che in realtà c’è una base ambientale per questi tumori“, spiega Luke Robinson, co-fondatore dell’associazione no-profit 2 Million Dogs.

Si stima che tra 4 e 6 milioni di cani muoiano di cancro ogni anno, mentre ogni giorno questa orribile malattia viene diagnosticata a 36 bambini. Proteggere i nostri animali domestici e i nostri bambini è la missione dell’associazione, nata per scoprire le cause dei tumori e il legame tra animali e persone. Proprio come un canarino in una miniera di carbone, l’ammalarsi di cancro di un cane puo’ essere una spia per l’uomo.

Nel complesso, un crescente interesse per il cancro nei cani ha portato a nuove ricerche in oncologia comparata presso l’Università della Pennsylvania e l’Università di Princeton, proprio grazie all’aiuto finanziario di 2 Million Dogs. I ricercatori stanno trattando i cani di un rifugio che hanno sviluppato carcinoma mammario, mentre raccolgono informazioni sulla progressione della malattia.

Grazie anche a dettagliati questionari somministrati ai proprietari, con informazioni sulla descrizione dei giocattoli, i materiali su cui dormono gli animali, gli ingredienti alimentari e la composizione della ciotola di cibo, sperano di identificare i trattamenti di cui beneficeranno sia i cani che gli esseri umani.

Roberta Ragni

LEGGI anche:

5 super alimenti contro il tumore al seno

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook