Cammelli e cavalli picchiati e feriti a sangue: cosa si nasconde dietro un giro turistico nelle Piramidi 

cavalli-peta

Sono costretti a trasportare i turisti tutto il giorno e spesso rimangono senza cibo, acqua e ombra per ore. PETA Asia denuncia le terribili condizioni di cammelli e cavalli a Giza, una delle Sette meraviglia del mondo.

**Attenzione questo articolo contiene immagini che potrebbero urtare la vostra sensibilità**

Questo è il lato nascosto della Grande Piramide di Giza, l’antica sepoltura di Saqqara e le tombe reali di Luxor. Posti meravigliosi dove però, per cammelli e cavalli, il benessere animale è solo un miraggio.

A denunciare gli abusi è l’organizzazione internazionale PETA Asia che in Egitto ha documentato come vivono questi animali costretti a trasportare i turisti in groppa o trainando carrozze nei siti turistici più importanti, sotto un caldo torrido.

“Agli animali viene spesso negato l’accesso al cibo, all’acqua e all’ombra. Al famigerato Birqash Camel Market, che fornisce cammelli per le passeggiate in alcuni dei luoghi turistici, gli animali sono stati osservati essere stati picchiati duramente con bastoni”, scrive PETA.

cavalli peta
cavalli peta6

I filmati investigativi e le immagini mostrano tutto il dolore e la sofferenza di cavalli e cammelli e a sostenere questa industria sono i turisti che scelgono di utilizzare questi animali come se fossero dei mezzi di trasporto.

cavalli peta1

cavalli peta2

Guarda il video:

 Cammelli e cavalli aspettano sotto il sole cocente i clienti, spesso vengono colpiti e frustati se si rifiutano di camminare perché le loro zampe si piegano per il caldo e la stanchezza.

“Abbiamo visto un uomo colpire un cavallo mentre era collassato a terra per una caduta. Lo hanno picchiato finché l’animale non si è rialzato a fatica e testimoni oculari hanno riferito che è stato rapidamente rimesso al lavoro anche se era stato gravemente ferito dalla caduta”, dice l’organizzazione che si occupa del benessere degli animali.

I cammelli spesso emettono lamenti mentre vengono colpiti. Sono trattati come merce, vengono venduti al mercato Birqash e quando non servono più come mezzo turistico, diventano carne da macello.

Feriti e sanguinanti

Molti cavalli usati a Giza e Luxor hanno ferite dolorose e sanguinanti, eppure continuano a trasportare turisti. Altri sono addirittura emaciati e denutriti, ma nonostante le loro condizioni vengono sfruttati dai conduttori per un business sempre più fiorente.

Per tutta la vita vengono maltrattati e come dicevamo, una volta che non sono più in grado di trasportare turisti vengono restituiti al mercato per essere poi mandati al macello.

cavalli peta4
cavalli peta5

Cosa puoi fare tu

Sono i turisti ad alimentare questo business fatto di abusi e sofferenze. Se hai intenzione di visitare l’Egitto, non renderti complice di questa attività. Gli animali sono essere viventi e hanno diritto ad essere liberi.

PETA ha lanciato una petizione per porre fine a tutto questo, condividi e FIRMA QUI

Leggi anche:

Dominella Trunfio

Fonte e foto

Hello Fish!

Pesce, ne consumiamo troppo e male. Ecco come fare scelte responsabili

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

corsi pagamento

seguici su facebook