Calamari giganti spiaggiati: non sono bufale. Esistono davvero, ecco dove vivono (MAPPA)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un nuovo calamaro gigante avvistato in Nuova Zelanda. Una creatura stupefacente, incontrata quasi per caso da tre fratelli lungo la costa di Wellington, lo scorso fine settimana. Ma dove vivono esattamente queste grandi animali marini?

Daniel, Jack e Matthew Aplin stavano camminando lungo la costa, alla ricerca del punto perfetto in cui fare immersioni quando improvvisamente la loro attenzione è stata catturata da qualcos’altro.

“Mio fratello ha detto ‘cosa c’è laggiù?'” ha detto Daniel Aplin a The New Zealand Herald.

I tre non credevano ai loro occhi. Si trattava infatti di un grosso calamaro spiaggiato, i cui tentacoli superavano di gran lunga l’altezza dei tre fratelli, increduli: “Non avevamo mai visto nulla di simile prima d’ora”.

Il calamaro era lungo circa 4,5 metri. Purtroppo l’animale era già morto e non è stato possibile aiutarlo in alcun modo. Non è ancora chiaro il motivo per cui questo calamaro gigante si sia spinto fino a riva, anche se questi eventi non sono comuni non sono nemmeno rari. E non necessariamente suggeriscono qualcosa di minaccioso.

calamaro gigante nz2

I calamari giganti

Secondo un portavoce del Dipartimento della Conservazione della Nuova Zelanda, l’enorme animale era quasi certamente un calamaro gigante (Architeuthis sp.), una specie che vive in acque profonde.

Non solo si tratta del più grande cefalopode conosciuto al mondo, ma è anche il più grande mollusco e probabilmente, il più grande invertebrato.

calamaro gigante nz3

In media, i calamari giganti hanno una lunghezza che va da 3 a 9 metri anche se possono raggiungere i 13 metri. La testa, il corpo, le braccia e i tentacoli di solito pesano intorno a 455 kg.

Dove vivono i calamari giganti?

Gli avvistamenti di questi calamari sembrano sempre più frquenti, sia in acqua che purtroppo sulle spiagge. Ma dove vivono? Secondo uno studio del Cnr, questi animali (genere Architeuthis) sono stati avvistati nel tempo in numerose zone del mondo, dal Mar della Cina al Nord Europa fino all’Oceano Atlantico.

Le prime notizie sulla probabile esistenza del mollusco risalgono addirittura alla ‘Storia degli animali’ di Aristotele. L’Istituto di scienza e tecnologie dell’informazione ‘A. Faedo’ del Consiglio nazionale delle ricerche (Isti-Cnr) di Pisa lo scorso anno ha prodotto una mappa di avvistamenti del calamaro e la prima timeline su questo mollusco nelle acque di tutto il mondo, mediante l’utilizzo dei Big data, del Cloud computing e delle Infrastrutture digitali (reti informatiche collaborative).

Ecco la mappa, qui invece la timeline:

mappa calamaro

Creature spesso considerate leggendarie ma reali.

LEGGI anche:

Francesca Mancuso

Foto: Daniel Aplin

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
TuVali.it

150+ corsi online su Salute e Benessere, a partire da 5€ (in collaborazione con GreenMe)

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook