Cacciare cani e gatti randagi. La proposta scioccante della Lega

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La Lega Nord torna a provocare. Dalla sede regionale del Friuli Venezia Giulia arriva la proposta del Carroccio di introdurre non solo l’addestramento dei falchi con l’utilizzo di fauna selvatica, ma anche l’inserimento tra le specie cacciabili del piccione selvatico occidentale (columba livia), della tortora dal collare (streptopelia decaocto) e, incredibilmente, della fauna domestica inselvatichita: stiamo parlando, cioè, di cani e gatti randagi.

Non paghi del recente banchetto a base di carne di orso a Imer in Trentino , i leghisti lanciano la proposta scioccante e aberrante di modifica alla legge regionale sulla caccia che fornirebbe, dunque, ai cacciatori il diritto di sparare persino ai cani e ai gatti di strada.

Un’idea assurda che, evidentemente, non sarà mai approvata. Si tratta, infatti, di pratiche severamente punite dalla legislazione in vigore, come spiega la Lav, che ha presentato una diffida nei confronti del gruppo regionale della Lega Nord e del Consiglio regionale. “Se con fauna domestica inselvatichita si vogliono intendere cani e gatti, è bene ricordare che questi animali sono protetti sia dalla legislazione nazionale che da quella regionale sul randagismo ed è assolutamente vietato ucciderli o maltrattarli. L’articolo 544-bis del Codice penale punisce con il carcere fino a 2 anni chiunque uccida un animale per crudeltà o senza necessità”.

Quanto a piccione selvatico e tortora dal collare sempre la Lav ricorda che si tratta di “animali protetti dalla legge quadro nazionale sulla fauna selvatica. Pertanto, se il Consiglio regionale del Friuli Venezia Giulia approvasse le proposte della Lega Nord, di fatto consentirebbe pratiche di vero e proprio bracconaggio. Non diversa la situazione per quanto riguarda l’addestramento dei Falchi su fauna selvatica: anche questa proposta, se fosse approvata, trasformerebbe chi la pratica in un bracconiere penalmente perseguibile”.

Il presidente della Lipu-Birdlife, Fulvio Mamone Capria, ricorda poi che la proposta giunge “proprio nei giorni in cui in Parlamento si discute di come riaffrontare, finalmente in modo serio, la questione del randagismo”, denunciando anche “un certo estremismo venatorio, associativo ma anche, ci spiace dirlo, amministrativo, sta perdendo il controllo di se stesso”.

Insomma un’uscita davvero surreale e imbarazzante che, sebbene non diventerà mai realtà, getta al vento tutti i tentativi di sensibilizzazione per porre fine all’abbandono incontrollato dei nostri amici a 4 zampe e tutte le lotte per combattere le violenze subite ingiustamente dagli animali. E che dimostra senza alcun velo tutta la tracotanza e la crudeltà del mondo venatorio.

Sdegno e sgomento.

Roberta Ragni

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook