Caccia selvaggia: si spara anche nelle oasi protette e nelle foreste demaniali

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Caccia selvaggia e spari anche nelle aree protette. Sembra impossibile e invece in Italia potrebbe esserci davvero la possibilità di cacciare i cinghiali anche nelle oasi di protezione e nelle foreste demaniali, vale a dire all’interno di territori oggi interdetti all’attività venatoria.

È quanto prevede un emendamento al Collegato Agricoltura che va a modificare il testo del Collegato Ambientale, che, pur essendo entrato in vigore da pochi giorni, è già oggetto di un restyling filo-venatorio.

Se approvato, l’emendamento a prima firma Susanna Cenni (PD) presentato alla Commissione Agricoltura della Camera causerebbe anche un disturbo biologico devastante anche per le specie che non sono oggetto dell’intervento, permettendo l’attività venatoria in periodi biologici delicatissimi come ad esempio le fasi di riproduzione degli uccelli selvatici, peraltro fortemente protette dalla direttiva comunitaria.

L’attività venatoria nelle oasi di protezione arrecherebbe evidenti problemi anche alle persone, alla loro fruizione naturalistica e alla loro stessa incolumità. Le oasi istituite ai sensi della legge 157/92 sono, infatti, oggi anche luoghi ampiamente frequentati da visitatori, turisti, escursionisti, scolaresche, bambini. E in genere da un gran numero di persone che cercano tranquillità e contatto con la natura e che invece potrebbero ritrovarsi in piena battuta di caccia.

Per tutti questi motivi le associazioni Enpa, Lac, Lav, Lipu e Wwf hanno scritto una lettera urgente ai componenti della Commissione Agricoltura, chiedendo appunto di ripensarci.

“Riteniamo davvero irresponsabile il contenuto degli ultimi due commi dell’emendamento n. 1.17 in merito alla previsione di diverse e ulteriori deroghe per attività di controllo ed abbattimento dei cinghiali all’interno delle zone di divieto venatorio istituite dagli enti territoriali, – scrivono le associazioni – tanto più in assenza degli agenti venatori pubblici degli enti preposti o delegati. I presentatori ritirino l’emendamento o la Commissione lo bocci. Abbiamo ben presenti le pressioni e gli interessi tutti privati delle lobby venatorie, ma così si sta superando il limite”.

Roberta Ragni

Leggi anche:

Caccia: senza controlli, il bracconaggio dilaga

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook